Ha vinto la Merkel. Ma con quello che è costato agli europei, ovvio che ha vinto l’euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A un passo dalla maggioranza assoluta, Angela Merkel ha trionfato nelle elezioni in Germania con il 41,5%: il risultato più forte dal 1990, anno dell’unificazione, con un chiaro sostegno del Paese alla sua ferma leadership durante la crisi dell’euro zona. Non lo stesso risultato invece per la sua coalizione di conservatori, che ha mancato di poco la soglia per avere l’autosufficienza e ora dovrà convincere i rivali del centro-sinistra ad entrare in un governo di grande coalizione. I liberali,  come gli euroscettici, non sono riusciti a superare la soglia del 5% richiesta dalla legge elettorale tedesca. Angela Merkel, al suo terzo cancellierato, dovrà perciò mettere insieme una nuova “Grande coalizione” dialogando con il partito socialdemocratico, il secondo più votato del Paese. “È molto importante che il partito anti euro sia fuori dal Parlamento. È  un bel segnale, un segnale di europeismo della Germania”. Lo afferma dal Canada il Presidente del Consiglio Enrico Letta in una intervista a Skytg24. Letta esprime anche le sue “congratulazioni” ad Angela Merkel.

Il discorso
“Cari amici, oggi siamo davvero entusiasti di questo grande risultato, vorrei ringraziare elettori e elettrici che ci hanno dato una fiducia cosi grande”, ha detto Merkel nei primi commenti dopo le proiezioni, quando ancora mancavano i dati ufficiali ma era chiaro che il partito si avvicinava alla maggioranza assolut, poi non raggiunta. La cancelliera ha aggiunto: “Adesso aspettiamo i risultati, è presto per dire come procederemo”, annunciando una riunione per oggi. “Faremo tutto il possibile nei prossimi 4 anni per il successo della Germania”, ha aggiunto. Le prima congratulazioni ieri sono arrivate dal presidente francese François Hollande, che augurandosi collaborazione tra i due Paesi l’ha invitata a Parigi.

Napolitano
“Le elezioni di ieri in Germania sono state una grande prova di vitalità e serietà democratica: per l’alta partecipazione al voto, per i contenuti e i toni del confronto tra le forze politiche, per il rispetto con cui da ogni parte se ne è salutato l’esito”. E’ il commento del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in merito alla vittoria di Angela Merkel nelle elezioni in Germania. “E il risultato complessivo – afferma ancora il capo dello Stato – rafforza decisamente la causa dell’Europa e della sua unità: per lo straordinario riconoscimento dell’impegno della cancelliera Merkel, per la rinnovata adesione dei maggiori partiti e della stragrande maggioranza degli elettori al progetto europeo, e per la fiducia che se ne può trarre nell’ulteriore corso del processo di sviluppo dell’Unione”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA