Troppe tasse strozza imprese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Pressione fiscale record. Dal 1980 ad oggi è aumentata di 12,6 punti percentuali, portando le sole imprese a pagare all’erario 110,4 miliardi di euro l’anno. Il dato viene rilevato dalla Cgia di Mestre: nell’Ue solo le imprese tedesche, in termini assoluti, pagano più tasse di quelle italiane, ovvero 121 miliardi di euro ( la Germania però ha 20 milioni di abitanti in più). La Cgia ricorda che nel 2014, come previsto nel Def approvato la primavera scorsa, la pressione fiscale raggiungerà il 44%, pari al record già toccato nel 2012.

Ma il dramma continua perché la pressione fiscale di quest’anno è destinata a salire di 0,2 punti percentuali rispetto al livello raggiunto l’anno scorso. “Con un carico fiscale di questa portata – sottolinea il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – e’ difficile fare impresa e soprattutto creare le condizioni per far ripartire l’economia”.

E intanto cresce il numero dei cittadini che chiedono la rateizzazione per gli adempimenti fiscali. Questa soluzione si conferma la più utilizzata dai contribuenti per pagare le cartelle di Equitalia. Nel mese di luglio si è registrato un vero e proprio record di adesioni con 156 mila richieste, con una media settimanale di circa il doppio di quella registrata nei primi sei mesi dell’anno. Ad oggi sono attive 2,4 milioni di rateizzazioni, per un controvalore di 26,6 miliardi di euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA