Troppi incidenti mortali sul lavoro. Impennata per le morti bianche nel 2017. Boom nel settore industriale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Incidenti e morti sul lavoro in aumento. Il dato provvisorio diffuso ieri dall’Inail fissa l’asticella a quota 591, ben 29 in più rispetto ai 562 decessi dello stesso periodo dell’anno precedente. Una percentuale che fa segnare un +5,2%.

I dati Inail parlano anche di 380.236 denunce d’infortunio pervenute, 4.750 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si è registrato un netto aumento degli infortuni: +1,2% per i lavoratori e +1,4% per le lavoratrici.

Il settore che ha subito l’impennata è quello industria e servizi con +2,1% e la gestione Conto Stato dipendenti (+3,6%), mentre Agricoltura e Conto Stato studenti delle scuole pubbliche statali hanno fatto segnare una diminuzione. Aumento delle denunce nel Nord Italia, aumenti non significativi al Centro e diminuzione al Sud con cali significativi in Puglia e Sicilia. Le morti sul lavoro riguardano soprattutto gli uomini con 531 decessi nel 2017 contro i 60 decessi femminili.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA