Trump, Johnson, Salvini & C. Così la politica ha sdoganato il linguaggio dell’odio. Il politologo Revelli ne ha pure per Grillo: “Ciò che corre sulla rete trascina il dibattito sempre più in basso”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Contro le “incitazioni all’odio di élite negative che perseguono il proprio progetto di potere” un antidoto potrebbe esserci. A sostenerlo è il politologo Marco Revelli: “Dato che questo marketing negativo di élite negative è un meccanismo artificiale dovuto al fatto che alcuni politici e il loro strateghi hanno capito che questo linguaggio paga in termini di voti, se il sistema della comunicazione la smettesse di seguire, amplificare e diffondere tutto ciò che va fuori dai limiti il fenomeno perderebbe appeal”.

Nel suo saggio “Turbopopulismo” con Luca Telese affronta un tema oggi molto attuale: le ragioni del tracollo civile, della violenza delle piazze, della volgarità del linguaggio. Vorrei partire da quest’ultimo, che ha contagiato anche la politica.
“Il linguaggio politico è degenerato negli ultimi tre decenni, in parte perché è degradata la politica stessa, che nella seconda metà del ‘900 era un’attività ritenuta utile e nobile mentre nel nuovo secolo è caduta in basso sia per i fenomeni diffusi di corruzione sia per la selezione della classe dirigente. I rappresentanti hanno incominciato a deludere i rappresentati perché hanno prodotto delle politiche che non andavano nell’interesse del proprio elettorato ma che erano vincolate ai mercati, ai cosiddetti poteri forti. La società ha iniziato a sentirsi scoperta, indifesa rispetto a fattori quali le disuguaglianza sociale, la disoccupazione, il lavoro non tutelato. Una gigantesca bolla di disillusione”.

Quindi i partiti populisti hanno deluso le aspettative?
“In una prima fase il populismo si è alimentato di questo sentimento diffuso di risentimento, i populisti sono stati percepiti come coloro che denunciavano il fatto che le democrazie contemporanee non rappresentano più i loro cittadini. Si è cominciato ad usare il linguaggio della strada per segnalare il fatto che non si apparteneva alla casta, al salotto buono. Il ‘Vaffa’ grillino è l’emblema di questo uso di un linguaggio triviale presentato come linguaggio popolare e autentico in contrapposizione al linguaggio alto delle élite. Il turbopopulismo è la degenerazione degli ultimi anni: negli Stati Uniti è coinciso con l’elezione di Donald Trump, con Boris Johson in Inghilterra e da noi con Matteo Salvini, con il Mojito in mano e le cubiste intorno: uno scenario da suburra utilizzato per sembrare simile a quello che ritengono essere il loro elettorato. Che naturalmente non è tutto così”.

Quanto hanno inciso i social network, che permettono a chiunque di riversare odio senza pagarne le conseguenze?
“Moltissimo. I media sono interconnessi, il circuito di Facebook e di Twitter in parte rimbalza sulla carta stampata e contamina la televisione, quello che il politico scrive e condivide sui social viene amplificato dagli altri mezzi di comunicazione e viene sdoganata un tipo di modalità espressiva triviale. L’odio è un sentimento potentissimo e ha un’energia comunicativa poderosa. La tragedia è che ciò che corre sulla rete è interconnesso alla politica, trascinandola sempre più in basso in una spirale di autoreferenzialità”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA