Trump vuole buttare la Vespa in garage e non bere più acqua San Pellegrino. Inizia la crociata di Donald contro i prodotti italiani ed europei

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il protezionismo promesso da Donald Trump in campagna elettorale potrebbe presto mettere nel mirino uno dei simboli storici del made in Italia: la Vespa della Piaggio. Secondo quanto riporta The Wall Street Journal sta per partire la prima offensiva contro il commercio di prodotti europei. Le indiscrezioni mettono nel mirino, oltre alla Vespa, anche l’acqua minerale San Pellegrino, di proprietà della Nestlé.

Un’accelerazione vera e propria quella messa in atto da Trump. Che potrebbe presto mettere nel mirino colossi del calibro di Perrier, il Roquefort e altri formaggi francesi, le moto leggere di fabbricazione europea come le svedesi Husqvarna e le austriache Ktm. Un colpo durissimo che punirebbe con dazi dazi fino al 100% del valore dichiarato di quei prodotti. In soldoni il prezzo raddoppierebbe. L’offensiva antieuropeista, secondo il giornale americano, avrebbe radici molto lontane:  il divieto europeo che colpisce l’importazione di carne di manzo americana trattata agli ormoni. Ostilità che va avanti almeno dal 2008 quando l’organizzazione del commercio mondiale (Wto) diede torto all’Europa dichiarando illegale quel divieto. L’anno successivo fu trovato un compromesso con l’applicazione di quel divieto in maniera più mirata e selettiva. Un accordo però poco rispettato secondo la versione fornita dagli Usa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA