Ucraina, massicci bombardamenti su Kiev e Odessa

Nuovo attacco russo sulla Capitale ucraina. Missili anche su Odessa e Dnipropetrovsk. Mancano energia e acqua in molte zone.

Un massiccio attacco russo è stato lanciato verso Kiev e l’intera regione. L’allarme è stato dato dal capo dell’amministrazione statale regionale della Capitale ucraina, Oleksiy Kuleba, che ha pregato i cittadini di scendere nei rifugi.

Ucraina, massicci bombardamenti su Kiev e Odessa

Nuovo attacco russo sulla Capitale ucraina. Missili anche su Odessa e Dnipropetrovsk. Mancano energia e acqua in molte zone

“Non ignorate il segnale di allarme aereo. C’è una minaccia di lancio di razzi nella regione. Rimanete in rifugi e luoghi sicuri”, ha detto Kuleba. Missili russi sono stati lanciati – secondo i media ucraini – anche contro Odessa e Dnipropetrovsk. A Kiev, secondo quanto ha riferito il Guardian, almeno tre persone sono morte e altre sei sono rimaste ferite in seguito al nuovo attacco missilistico russo.

Kiev, Leopoli e in altre città in seguito agli attacchi di oggi sono senza elettricità e acqua

Kuleba ha riferito che l’intera regione è senza elettricità, dopo che è stata colpita una infrastruttura del sistema energetico. Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, riferisce, invece, che la Capitale è senz’acqua. Non c’è elettricità anche a Leopoli, nell’Ovest dell’Ucraina, ha riferito il sindaco, Andriy Sadovyi, avvertendo che ci saranno “interruzioni” anche nelle forniture d’acqua. Black out di energia sono stati segnalati anche a Kharkiv dove intorno alle 14:30 è saltata la corrente in diverse zone della città.

Bombardato anche il reparto maternità dell’ospedale di Zaporizhzhia, morto un neonato

Un neonato è rimasto ucciso, invece, nel bombardamento del reparto maternità di un ospedale di Zaporizhzhia. Nella stessa città del Sud-Est dell’Ucraina, sempre a causa degli attacchi russi, l’operatore Energoatom ha informato che “la fornitura del fabbisogno della centrale nucleare di Zaporizhzhia dal sistema energetico è stata interrotta” aggiungendo che la centrale è andata in modalità blackout completo. “Tutti i generatori diesel sono in funzione. Il livello di radiazione nel sito della centrale rimane normale” ha riferito ancora l’operatore ucraino.

Commentando la morte del neonato a Zaporizhzhia Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di ricorrere al “terrore e all’omicidio” per raggiungere i suoi scopi. “Il nemico – ha scritto il presidente ucraino su Telegram – ha deciso ancora una volta di provare a realizzare attraverso il terrore a l’omicidio ciò che non è riuscito a fare in nove mesi e non riuscirà a fare”.

Il capo dell’ufficio presidenziale ucraino Andriy Yermak ha dichiarato che la Russia ha lanciato missili subito dopo che il Parlamento europeo l’ha riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo: “I terroristi confermano immediatamente di essere terroristi: lanciano missili”, ha detto Yermak.

Leggi anche: “La Russia è uno Stato terrorista”. L’Europarlamento approva una risoluzione che punta a isolare ancora di più Mosca nel consesso internazionale

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:11
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram