Un attestato agli studenti che partecipano all’evento con Renzi. Bufera su una scuola di Pescara

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi va a Pescara e gli studenti che andranno a seguire la sua intervista (prevista per oggi pomeriggio) all’interno del cartellone del Festival delle Letterature riceveranno un bell’attestato ufficiale. A lanciare l’iniziativa sono l’ufficio scolastico regionale dell’Abruzzo e la dirigente scolastica dell’Istituto tecnico commerciale Tito Acerbo, dottoressa Annateresa Rocchi, a mettere l’iniziativa nero su bianco. Nell’invito si spiega chiaramente, come scoperto dal giornale online Primadanoi, che per ottenere l’attestato gli studenti devono assistere all’intervista (che il premier rilascerà a Luca Sofri) e non al resto degli appuntamenti del festival previsto negli altri giorni o nella ore a seguire la visita del presidente del Consiglio.

Chiaro il tenore dell’invito: “Gent.mi Di­ri­gen­ti – scrive l’ufficio scolastico regionale – gio­ve­dì 10 no­vem­bre alle ore 18.00, pres­so il Tea­tro Cir­cus di Pe­sca­ra, si apri­rà la XIV edi­zio­ne del Fe­sti­val del­le Let­te­ra­tu­re di Pe­sca­ra con l’in­ter­vi­sta da par­te di Luca So­fri al Pre­si­den­te del Con­si­glio Mat­teo Ren­zi . Le Isti­tu­zio­ni Sco­la­sti­che con i loro stu­den­ti  han­no sem­pre mo­stra­to gran­de in­te­res­se ver­so que­sta ma­ni­fe­sta­zio­ne che rap­pre­sen­ta un con­te­sto cul­tu­ra­le at­ti­vo di scam­bi di idee e co­no­scen­za; per que­sto mo­ti­vo si de­si­de­ra coin­vol­ger­li spa­zio ad una loro am­pia par­te­ci­pa­zio­ne. Si in­vi­ta­no, per­tan­to, le SS.LL. a dare mas­si­ma dif­fu­sio­ne del­l’i­ni­zia­ti­va tra gli stu­den­ti e i do­cen­ti e si co­mu­ni­ca che, in con­si­de­ra­zio­ne del­l’im­pe­gno in ora­rio ex­tra­cur­ri­co­la­re, ai par­te­ci­pan­ti ver­rà ri­la­scia­to un at­te­sta­to di pre­sen­za”.

E l’invito è stato poi pubblicato sul sito internet ufficiale dell’Istituto tecnico commerciale. Tanto che la dottoressa Rocchi ha subito tenuto a precisare che “ho sol­tan­to fat­to pub­bli­ca­re l’in­vi­to del­l’uf­fi­cio sco­la­sti­co re­gio­na­le sul no­stro sito uf­fi­cia­le, dove pub­bli­chia­mo tut­ti gli in­vi­ti, gli av­vi­si e le cir­co­la­ri che ci per­ven­go­no dal­l’e­ster­no, come ri­chie­sto dal­la nor­ma­ti­va che im­po­ne la pub­bli­ca­zio­ne di tut­te le co­mu­ni­ca­zio­ni uf­fi­cia­li in­ter­ne ester­ne sul sito go­ver­na­ti­vo”. Insomma, dice la Rocchi, la scuola “non ha mai ac­cet­ta­to stru­men­ta­liz­za­zio­ni po­li­ti­che o ideo­lo­gi­che”. Resta il fatto che tale problema non è stato proprio posto nei corridoi dell’ufficio scolastico regionale che, invece, ha ritenuto opportuno rilasciare un attestato agli studenti che parteciperanno all’iniziativa con Renzi. Guarda caso, in prossimità del referendum del 4 dicembre di cui, inevitabilmente, si parlerà.

SOLO L’ULTIMO EPISODIO – C’è da precisare, peraltro, che non è la prima volta che si utilizzano organi pubblici per pubblicizzare la fronda del Sì al referendum. Ancora più sfrontato quel che è accaduto a Isernia, come denunciato da La Notizia, dove si è tenuto un incontro dichiaratamente per il Sì al referendum con la partecipazione di Pierferdinando Casini organizzato dall’Ordine degli Avvocati che, per l’occasione, hanno rilasciato anche crediti formativi.

BATTAGLIA POLITICA – La questione ovviamente non è passata inosservata e si è subito spostata in ambito parlamentare. “Il Governo cerca disperatamente, in ogni modo, di raggranellare qualche voto, in vista del 4 dicembre, per la sua indegna riforma, anche a costo di utilizzare strutture pubbliche. Nei giorni scorsi, infatti, da un ufficio scolastico regionale dell’Abruzzo è stata inviata una lettera ai responsabili degli istituti della provincia di Pescara, per invitare gli studenti e il corpo docente a partecipare ad un evento che il presidente del Consiglio terrà oggi pomeriggio a Pescara, nell’ambito del festival delle letterature”. La denuncia è arrivata dal capogruppo del M5S in commissione Cultura alla Camera, Gianluca Vacca, secondo quanto riporta un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo. A rincarare la dose anche la Lega Nord: “Vogliamo vederci chiaro: l’attestato per gli studenti che parteciperanno alla visita di Matteo Renzi e che gli farà ottenere crediti formativi è una vera e propria follia da regime. Vogliamo spiegazioni, non c’è nulla di culturale o di formativo nell’assistere alle inutili passerelle renziane”. Così Massimiliano Fedriga e Gian Marco Centinaio presidenti dei gruppi parlamentari leghisti che hanno presentato un’interrogazione parlamentare al ministero dell’istruzione Stefania Giannini.