Un click molto salato. I pagamenti online delle cartelle di Equitalia hanno commissioni altissime

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un click che più salato non si può. E anche un caso da manuale in cui la tecnologia non è amica, ma rappresenta un ulteriore costo all’utente. Così Equiclick, il servizio di Equitalia che consente di effettuare le principali operazioni velocemente sul web o tramite app, si candida a essere un autogol per una società che – per sua natura – non è amata dai cittadini. Il problema nasce dall’elevata commissione per “il servizio di anticipazione” applicata alla transazioni che avvengono sul portale per chi usa la carta di credito o prepagata. Eppure Equiclick è stata presentata come una soluzione innovativa per saldare il conto con Equitalia, evitando code negli uffici grazie a smartphone e tablet. Ma, a conti fatti, meglio recarsi a uno sportello fisico.

CARO CLICK – Il meccanismo è semplice. Il contribuente può chiudere la pendenza con Equitalia sulla pagina di Equiclick o sull’applicazione creata per dispositivi Apple e Android. Un’iniziativa lodevole, che però presenta un problema: la commissione è troppo alta. Chi usa la carta prepagata deve corrispondere l’1% del totale della cifra che già include le sanzioni. Certo, per questo tipo di pagamento è stato fissato un limite di 5mila euro e quindi  per una cartella il costo aggiuntivo è al massimo di 50 euro. Il Movimento 5 Stelle ha perciò presentato un’interrogazione al ministero dell’Economia. “Il viceministro Luigi Casero non ha saputo spiegarci con precisione la vicenda”, dice a La Notizia il deputato pentastellato Ferdinando Alberti. “Ma al di là di questo aspetto – aggiunge il deputato – la richiesta più importante è che la commissione sia portata a pari con quella dell’home banking (che non supera i 2 euro, ndr), inserendo le apposite funzioni sull’app”. Infatti dai 5 Stelle arriva un’altra denuncia: sull’applicazione manca la possibilità di usufruire dell’home banking.

LA RISPOSTA – Il viceministro Casero ha messo nero su bianco, rispondendo in commissione Finanza alla Camera. E ha rivendicato trasparenza: “Nella home page del portale di Equitalia vengono dettagliati, in maniera chiara e trasparente, tutti i canali di pagamento previsti con i relativi costi e le informazioni utili al contribuente per poter scegliere lo strumento più adeguato alle proprie esigenze”. Per quanto riguarda la commissione, però, Casero tende a minimizzare: “La media dei pagamenti quietanzati con questo strumento di circa 250 euro a operazione”. E per risolvere il problema alla radice, il numero due di Padoan ha spiegato: “Equitalia fa presente di aver aderito al nodo dei pagamenti per la Pubblica amministrazione ‘Pago PA’, e che in virtù di tale adesione già dalle prossime settimane lo stesso nodo diventerà l’unica piattaforma per i pagamenti digitali alla Pubblica amministrazione, superando di fatto l’attuale sistema”.  Ma Alberti ha ostentato diffidenza: “Attendiamo i cambiamenti di ‘Pago PA’. Il fatto certo è che l’attuale commissione per il pagamento con carta è inaccettabile”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA