Un Natale di sprechi. In pochi giorni potrebbero andare buttati 230 milioni di euro di cibo. Ogni famiglia spenderà 300 euro per il cenone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un Natale di sprechi potenziali. Questo è l’allarme che ha lanciato la Cia -Agricoltori Italiani. Con le festività alle porte e preparativi per le tavole di rito, gli italiani non rinunceranno ai cibi della tradizione e riempiranno il carrello della spesa. Forse anche troppo. Con il rischio che molti prodotti andranno sprecati. In pochi giorni potrebbero andare persi circa 230 milioni di euro.

La stima, come detto, è della Cia -Agricoltori Italiani, che calcola in un +9% il valore del cibo in surplus che verrà acquistato negli ultimi giorni di dicembre.

Il primo consiglio che dà l’organizzazione può sembrare banale, invece è di grande utilità per una spesa ragionata: scrivere una lista accurata dei beni alimentari prima di recarsi nei punti vendita per evitare di ritrovarsi nelle buste cibi che non verranno poi utilizzati. La seconda indicazione che giunge dalla Cia è di stampo solidale: in dieci giorni di festa le famiglie italiane spenderanno in media per la tavola una cifra intorno ai 300 euro, con una movimentazione complessiva pari a 3 miliardi di euro circa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA