Un Paese allo sbando. Secondo il Censis in Italia manca coesione sociale, rischiamo di finire come nelle banlieue parigine. E trovare un lavoro è ormai un’utopia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ultimo schiaffo all’Italia arriva dal rapporto del Censis sulla situazione sociale del Paese. Emerge un’Italia dove ci sono tante diseguaglianza, meno integrazione e un ceto medio corroso. Non c’è che dire. Secondo il Censis “L’Italia ha fatto della coesione sociale un valore e si è spesso ritenuto indenne dai rischi delle banlieue parigine, ma le problematicità ormai incancrenite di alcune zone urbane non possono essere ridotte ad una semplice eccezione”. E ancora continua il rapporto, da cui non usciamo certo facendo una bella figura: “L’Italia è un Paese dal capitale umano inagito” e dissipato in cui conta quasi 8 milioni di individui non utilizzati: 3 milioni di disoccupati, 1,8 mln di inattivi e 3 milioni di persone che, pur non cercando attivamente un impiego, sarebbero disponibili a lavorare”. I dati della crisi, inoltre, avrebbero reso gli italaini vulnerabili. Il 60% ritiene che chiunque possa ormai finire in povertà e per questa ragione la reazione è  “attendismo cinico”, per cui non si investe e non si consuma, il contante è considerato una tutela necessaria e prevale la filosofia del “bado solo a me stesso”.  Se si pensa alla situazione dei giovani la situazione è ancora più drammatica. A 2,4 milioni di essi serve l’aiuto dei genitori, dei 4,7 milioni di giovani che vivono per conto proprio, oltre un milione non riesce ad arrivare a fine mese. Sono 2,4 milioni quelli che ricevono “regolarmente o di tanto in tanto” un aiuto economico dei propri genitori.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA