Un Paese senza credito. Prestiti in calo a settembre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Sergio Patti

Politici ed economisti non fanno altro che dibattere sulle ricette per uscire dalla crisi. La risposta al problema però è di una tale evidenza da far apparire tutto il dibattito una sorta di grande finzione. La grande crisi europea è una crisi prima di tutto monetaria. Banalmente: non ci sono i soldi e di conseguenza non c’è circolazione del denaro. Non è un caso che i Paesi dove le cose vanno meglio sono quelli dove le banche centrali stampano moneta a rotta di collo. Una strategia che anche la Banca centrale europea conosce bene, ma di fronte alla quale non riesce a muovere un passo, immobilizzata dal veto tedesco e dalla complicità di Parigi. Alla faccia dei trattati che vorrebbero la Bce indipendente.

NON C’È DENARO
A riprova che il grande assente è il denaro, arrivano freschi freschi i nuovi dati sui prestiti erogati – o per meglio dire non erogati – dalle banche italiane a famiglie e imprese. Dati che smentendo clamorosamente le affermazioni di un po’ tutti i banchieri – che per questo potrebbero essere chiamati a rispondere anche di false dichiarazioni ai mercati – attestano una nuova frenata. Mentre a settembre infatti il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è stato pari al 3,6% (3,1% ad agosto). Sul fronte dei prestiti, invece, quelli al settore privato (corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari) registrano una contrazione su base annua del 2,3% (-2,5% ad agosto). I prestiti alle famiglie sono scesi dello 0,6% sui dodici mesi (-0,7% nel mese precedente); quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, del 3,3% (-3,8%). I soldi non ci sono e le banche non danno.

E VOLANO LE SOFFERENZE
Naturale che aumenti anche la difficoltà a far funzionare le attività e a ripagare i debiti. Il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze è risultato infatti pari al 19,7% (20,0% ad agosto). I tassi d’interesse, comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,27% (3,38 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 9,24% (9,34% ad agosto). Dati, questi ultimi, persino più alti per via delle commissioni altissime (anche 20%) applicate da società come Compass (gruppo Mediobanca) a chi paga le rate con un piccolo ritardo. Nel silenzio di Bankitalia.