Un pasticciaccio brutto a Napoli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Rabbia a Napoli per l’uccisione di un ragazzo di 17 anni, Davide Bifolco, da parte di un carabiniere. L’episodio si è verificato ieri notte. Secondo quanto riferito dai militari si sarebbe trattato di un incidente. Tre giovani viaggiavano su uno scooter e non si sono fermati all’alt dei carabinieri.

Ne è nato un inseguimento, conclusosi quando il conducente dello scooter ha preso un’aiuola cadendo in terra. Uno dei tre ragazzi è fuggito, inseguito da uno dei due carabinieri. L’altro ha provato a fermare gli altri due giovani ma avrebbe accidentalmente esploso un colpo prendendo in pieno la vittima. Trasportato all’ospedale San Paolo è morto poco dopo. Immediato l’intervento degli inquirenti che stanno cercando di far luce sulla dinamica.

L’episodio ha scatenato la rabbia dei cittadini che hanno distrutto due auto della Polizia. Per il fratello della vittima non si sarebbe trattato di un incidente. “E’ stato un omicidio, non s’inventassero scuse. E’ stato un omicidio” ha detto tra le lacrime Tommaso Bifolco. “Non è caduto durante l’inseguimento – ha aggiunto – è stato speronato e ucciso”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA