Un Sarko di guai. L’ex presidente francese rischia grosso. Nel mirino i finanziamenti per la campagna elettorale alle presidenziali del 2012

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Puzza di guai per l’ex presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy. Ieri sera si è diffusa la notizia di un’indagine a suo carico come testimone informato con capi di imputazione di falso, truffa e abuso di fiducia. Accuse legate al finanziamento illegale della sua campagna elettorale del 2012 per la rielezione alla presidenza. Il leader dei repubblicani francese rischia grosso per il ‘caso Bygmalion’, scandalo che deve il suo nome a una società che ha emesso fatture false per circa 18,5 milioni di euro attraverso le quali l’Unione per il Movimento popolare ha sostenuto la campagna elettorale.

La decisione dei magistrati è arrivata alla fine di una giornata di interrogatori. Sarkozy, capo dell’opposizione di destra dei Republicains, è in piena attività politica con posizionamento dei vari candidati per le primarie in vista delle presidenziali 2017. Un episodio questo che se avesse seguito giudiziario potrebbe minarne seriamente la corsa per l’Eliseo del prossimo anno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA