Un’illusione chiamata Jobs Act. Gli italiani cercano lavoro senza trovarlo: e il tasso di disoccupazione vola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Niente lavoro. L’illusione del Jobs Act si è infranta per l’ennesima volta contro i dati di novembre. Il tasso di disoccupazione è salito all’11,9%, facendo registrare un aumento dello 0,2% rispetto a ottobre e toccando il massimo negli ultimi 18 mesi. L’incremento della percentuale, secondo le stime dell’Istat, è dovuta a una tendenza in atto: diminuiscono gli inattivi, con lo 0,7% di persone (circa 93mila) che si sono messe alla ricerca di un’occupazione, ma con risultato non positivi. Insomma, c’è meno scoraggiamento, con una buona fetta di popolazione che si è rimessa in moto, ma le opportunità continuano a scarseggiare.

L’aumento del tasso di disoccupazione è attribuibile sia agli uomini che alle donne “e si distribuisce tra le diverse classi di età, ad eccezione degli ultracinquantenni”, ha spiegato l’Istat. La situazione è molto preoccupante per i più giovani: il tasso di disoccupazione è risalito al 39,4% con un balzo dell’1,8% in confronto al mese di ottobre.  L’unico dato parzialmente positivo è che “su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+0,9% su novembre 2015, pari a +201 mila)”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA