Unioni civili, non c’è intesa nella maggioranza. Il ministro Orlando spinge la legge sulle adozioni. Alfano: totale disaccordo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chiudere prima di Natale sulle unioni civili, come ormai stiamo sentendo ripetere frequentemente nei palazzi della politica, sembra quanto meno ottimistico. Perché lo scontro è bello che apparecchiato nelle file della maggioranza di Governo. Ad alzare l’asticella dello scontro è la presa di posizione del ministro della Giustizia, Andrea Orlando, che ha fatto infuriare il Nuovo centrodestra. Intervistato da La Repubblica il Guardasigilli si è detto “personalmente favorevole alle adozioni”. Andando oltre e chiedendo al più presto una legge sulle adozioni. “La Corte di Strasburgo”, ha detto Orlando, “ci impone di tutelare i diritti di una parte dei cittadini e di farlo in fretta”. Una posizione che ha innescato la dura risposta del leader Ncd, Angelino Alfano: “Sono in totale disaccordo con il collega Orlando sul tema delle adozioni. Ogni bambino deve avere un padre e una madre”, sostiene convinto delle proprie idee Alfano, “Con i diritti e soprattutto con i bambini non si scherza”.

SCONTRO TOTALE
A seguire tutto il partito non le ha mandate a dire ad Orlando. Un comportamento “gravissimo”, secondo Maurizio Lupi che “un ministro serio alimenti confusione su una questione delicata come le adozioni per le coppie omosessuali. Sino a prova contraria le leggi in Italia le fa il Parlamento e non le sentenze di una Corte, fosse anche quella di Strasburgo”. Queste le premesse di un’intesa non proprio agevole come vorrebbero farci credere. Le posizioni sono distanti. Troppo, per ora.