Un’Italia da volata. Cassani sceglie Viviani e Nizzolo come capitani per i Mondiali a Doha

dalla Redazione
Sport

L’Italia non parte favorita al Mondiale di Doha 2016, nella prova élite maschile in programma domenica 16 ottobre. Ma il commissario tecnico, Davide Cassani, ci crede comunque e ha selezionato una nazionale di combattimento con due capitani: Giacomo Nizzolo ed Elia Viviani, reduce dal trionfo olimpico su pista. Il percorso in Qatar – di 257,5 km – non presenta asperità, ma la selezione sarà fatta dal forte vento che potrebbe soffiare sul percorso e dalle curve impegnative. Per questo sarà fondamentale l’esperienza e la capacità di leggere la corsa di alcuni ciclisti, come Sonny Colbrelli e Matteo Trentin. Daniel Oss e Manuel Quinziato sono i due passisti che copriranno il ruolo di gregari, chiamati a tenere unito il gruppo nei momenti più delicati. Come era scontato non ci sono Fabio Aru e Vincenzo Nibali, che hanno caratteristiche inadeguate al percorso pensato a Doha.

“Elia Viviani e Giacomo Nizzolo sono i due velocisti”, ha spiegato Cassani. Poi ci sono “due corridori abituati a tirare le volate e bravissimi in questo ruolo, Jacopo Guarnieri e Fabio Sabatini. C’è anche Matteo Trentin che le volate le vince ed è capace anche di tirarle, un corridore molto duttile e bravo. Ci sono uomini di esperienza come Daniele Bennati e campioni del mondo nella cronometro a squadre come Manuel Quinziato e Daniel Oss. C’è poi uno dei corridori italiani più in forma del momento: Sonny Colbrelli”, ha aggiunto il ct della Nazionale.

I favori del pronostico graveranno tutti sulla Germania, che conta due sprinter come Marcel Kittel e André Greipel, senza dimenticare John Degenkolb. Grande attenzione anche al britannico Mark Cavendish, al norvegese Alexander Kristoff e allo slovacco, campione uscente, Peter Sagan.

Ecco l’elenco dei convocati di Cassani per Dpha 2016
Daniele Bennati, Sonny Colbrelli, Jacopo Guarnieri, Daniel Oss, Manuel Quinziato, Fabio Sabatini, Matteo Trentin ed Elia Viviani. Riserve: Marco Coledan e Filippo Pozzato.