Uniti contro l’Europa. Dai rapporti militari agli scambi commerciali, Trump e May siglano l’asse Usa-Gran Bretagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un asse contro l’Europa. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e la premier britannica, Theresa May, si sono incontrati, siglando un patto per rafforzare i rapporti militari e gli scambi commerciali. “Grazie per essere qui. Noi vogliamo lavorare strettamente con lei e rafforzare i nostri rapporti commerciali. Ci aspettano grandi giorni”, ha scandito il numero uno della Casa Bianca, accogliendo la prima ospite ufficiale a Washington. E non a caso è stata la donna che punta a una Brexit duta, senza compromessi con l’Unione europea.

Il resoconto del vertice è stato fatto dalla May. “Nel nostro incontro abbiamo affrontato molti temi su cui concordiamo. La lotta al terrorismo e al Daesh. Come rafforzare l’intelligence nel cyberspace. Abbiamo discusso di Siria, Russia, collaborazione per la Difesa. E riconosciuto il lavoro della Nato e l’impegno americano per l’Alleanza, su cui il presidente si è detto assolutamente d’accordo. In materia di scambi, abbiamo già volumi forti”. Trump ha anche toccato i temi che riguardano gli altri Paesi, indicando le sue priorità in materia diplomatica. “Noi vogliamo avere buoni rapporti con la Russia, ma anche con la Cina e gli altri Paesi. Non abbiamo nessuna garanzia di riuscirci, ma sarebbe positivo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA