Non c’è crisi per il mercato delle stanze universitarie. Milano la città più cara. Pesa anche l’effetto Expo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tempi di iscrizione all’università ma anche per trovare un nuovo alloggio per gli studenti fuori sede. Prezzi stabili quest’anno secondo l’indagine condotta da Immobiliare.it- I prezzi medi sono di 380 euro per una stanza singola e di 270 per un posto letto in una stanza condivisa. L’indagine è stata condotta nelle 15 città italiane con la più alta presenza di studenti. Milano resta la città più costosa per gli studenti e su cui pesa ancora l’effetto Expo con costi aumentati negli ultimi mesi. Per una singola sono necessari quasi 500 euro, +28% rispetto al dato nazionale e +2% rispetto all’anno scorso. Subito dopo c’è Roma dove per una singola ci vogliono 415 euro e 290 per un posto letto. Sul dato influisce la maggiore estensione della città, perché, ovviamente, c’è un calo dei prezzi per le case in periferia che quindi fa abbassare un po’ la media dei prezzi. Terza è la città di Firenze. Poi Bologna e Torino. Prezzi bassi a Catania dove si trova una singola anche a meno di 200 euro. A Palermo e Siena i prezzi sono cresciuti maggiormente nell’ultimo anno. Forte calo a Bari.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA