Usa, il massacro di Pasqua finisce su Facebook. Follia omicida a Cleveland. Uccide un uomo per strada e poi posta il video

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La follia omicida finisce pubblicata su Facebook. Perché un 37enne afroamericano ha ucciso un 74enne per strda e ha pubblicato il video sul social spiegando di aver compiuto anche altri 15 omicidi. Ora Steve Stephens è ricercato dalla Polizia di Cleveland. Finora, però, è stato ritrovato soltanto il corpo della vittima che viene mostrata su Facebook, delle altre nessuna traccia.

La caccia all’uomo va avanti a Cleveland, in Ohio, dove la Polizia ha fatto appello alla cittadinanza di aiutare con eventuali segnalazioni, ma allo stesso tempo ha invitato a stare molto attenti perché l’uomo gira armato. L’omicida sarebbe disperato dopo il naufragio di una storia d’amore e dopo aver perso tutti i suoi possedimenti a causa del gioco d’azzardo.

Il killer già sul suo profilo Facebook aveva annunciato le brutali intenzioni. Nel suo messaggio accusava anche la sua ex fidanzata dei crimini che stava per commettere. La vittima, Robert Godwin, è stata scelta a caso, avendo avuto la sfortuna di imbattersi sul cammino di Stephens. Il video è stato ritirato da Facebook tre ore dopo la pubblicazione.

Una follia omicida testimoniata dal video in cui si vede l’assassino che scende dalla macchina e cammina verso quella che diverrà la sua vittima. Stephens lo ha avvicinato chiedendogli di dire il nome della sua ex fidanzata. Questo il surreale dialogo: “Puoi dire ‘Joy Lane?. La vittima risponde: “Joy Lane”. A quel punto il folle assassino controbatte: “E’ lei la ragione per cui ti accadrà tutto questo”. Per poi sparargli in testa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA