Tensione alle stelle sui test missilistici della Corea del Nord. Stati Uniti pronti alla guerra preventiva per fermare Kim

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il rischio di una guerra per fermare il dittartore nordcorfeano Kim Jong-un si fa sempre più concreto. Questa volta sono stati gli Stati Uniti ad aver alzato il tiro con dichirazioni tutt’altro che rassicuranti. Il consigliere per la sicurezza nazionale americana H.R. McMaster, intervistato dalla Mnsbc, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti sono pronti a tutte le opzioni per contrastare la minaccia nucleare rappresentata dalla Corea del Nord, compresa quella di una guerra preventiva”.

Il consigliere ha poi rincarato la dose: “Se mi chiedete se stiamo preparando piani per una guerra preventiva rispondo di si’, una guerra per porre fine alle minacce di un attacco nucleare della Corea del Nord verso gli Stati Uniti. Il presidente Trump è stato molto chiaro su questo. Ha detto che non tollererà più le minacce della Corea del Nord. Per lui è intollerabile che abbiano armi nucleari che possano minacciare gli Usa. L’opzione militare è dunque sul tavolo”.

Gli ultimi due test missilistici effettutati dalla Corea del Nord hanno mandato su tutte le furie gli Stati Uniti che sono stati tirati anche in ballo dalle dichiarazioni minacciose di Kim che ha fatto sapere di avere armi che possono arrivare a colpire gli Usa anche a casa loro.

E c’è da starne certi che quella espressa da McMaster è esattamente la posizione della Casa Bianca visto che proprio ieri il presidente Trump lo aveva difeso da chi ne chiedeva le dimissioni. Generale che era stato attaccato con l’accusa di essere anti-israeliano e di lavorare con i collaboratori dell’ex’presidente Obama.