La vaccinazione eterologa ha maggiore efficacia. Palù (Aifa): “Stimola meglio il sistema immunitario”

Eterologa Aifa Palù
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ormai gli studi sono inconfutabili” e gli esperimenti sul campo “stanno dimostrando la maggiore efficacia della vaccinazione eterologa”. È quanto ha detto Radio1 il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù. “Sono su centinaia di persone questo è vero”, sottolinea Palù, ma sono pubblicati in pre-print da diverse Università europee “e dimostrano che utilizzando due formulazioni diverse si stimola meglio il sistema immunitario perché si attiva sia l’immunità innata intrinseca che quella adattativa” e “anche quei timori che c’erano dei primi dati sulla maggior reattogenicità stanno tutti sparendo”.

E sulla reattogenicità Palù, ricordando gli studi di diversi Istituti, da quello dell’Università di Hannover all’Università di Oxford, poi anche di Berlino e della Spagna il numero uno dell’Aifa spiega: “Non c’è e se in alcuni casi c’è è di brevissima durata. Quindi non c’è nessun problema”. La scienza, dice Palù riferendosi alle nazioni che “prima di noi hanno deciso di abbandonare i vaccini a vettori adenovirali” e che hanno adottato una somministrazione eterologa, “acquisisce studi di volta in volta, quindi, precisa, non dobbiamo pensare a contraddizioni. La verità scientifica si manifesta sul campo. Quindi ricordo che è vero è una vaccinazione on label quella autorizzata da Fda e Ema, con due vaccini identici, ma se ci accorgiamo che due vaccini diversi funzionano meglio ecco che gli enti regolatori possono intervenire”.

Dunque “l’Aifa – afferma il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Palù – ha provveduto ad emanare la sua raccomandazione e il Cts l’ha fatta sua. E mi pare che adesso ci sia anche la circolare del dipartimento di prevenzione e quindi del ministero della Salute, e mi pare che anche il ministro si sia chiaramente espresso quindi direi che su questo non ci dovrebbe essere dubbio.

Leggi anche: Vaccini, Speranza: “Il messaggio su Astrazeneca è chiaro. Chiediamo a tutti gli enti territoriali di allineare i piani costruiti nelle ultime settimane”.