“Il vaccino AstraZeneca? Diamolo ai politici così i cittadini si fideranno”

Astrazeneca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Antonio Tutolo, consigliere regionale della Puglia eletto nella lista “Con Emiliano”, propone un metodo piuttosto curioso per far tornare la fiducia dei cittadini nel vaccino AstraZeneca. Secondo Tutolo dopo lo stop all’inoculazione deciso dall’Italia insieme ad altri paesi europei: “Diamolo ai politici così i cittadini si fideranno”.

“Il vaccino AstraZeneca? Diamolo ai politici così i cittadini si fideranno”

“Se riprende la somministrazione – dice il consigliere Tutolo – sarà indispensabile l’esempio dei membri delle Istituzioni”. E quindi ecco la sua proposta: “Se il Governo, sulla scorta del parere dell’Agenzia europea del farmaco, disporrà per la ripresa della somministrazione, l’unico modo per ridare fiducia in quel vaccino è che le istituzioni diano l’esempio concreto e si vaccinino pubblicamente. Sarebbe da pazzi, altrimenti, pensare di tranquillizzare la gente solo con le parole, pretendendo che i cittadini se lo facciano somministrare tranquillamente dopo aver appreso, in questi giorni, comunicazioni e provvedimenti contrastanti”.

Per questo, sostiene Tutolo, “Nel caso in cui si dovesse propendere per la riammissione di AstraZeneca in Italia – prosegue -, tutti dovranno dare l’esempio. Dal presidente del Consiglio ai ministri, dai viceministri ai sottosegretari, dai presidenti di Regione agli assessori regionali fino ai consiglieri regionali, dai sindaci agli assessori, ai consiglieri comunali”.

Leggi: Sondaggi politici oggi: Renzi sprofonda

La proposta del consigliere Tutolo: “Vacciniamo i politici con AZ”

Di qui l’idea: “Tutti i membri delle istituzioni dovranno vaccinarsi pubblicamente con AstraZeneca, nei casi in cui non sussistano motivi clinici ostativi, ovviamente. Diversamente, i cittadini avranno ben ragione di rifiutarsi e, aggiungerei, di domandarsi se siano rappresentanti degnamente e da gente responsabile”. Secondo Tutolo quindi il presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro della Salute Roberto Speranza e gli altri membri del governo dovrebbero immunizzarsi con AstraZeneca. E dovrebbero farlo per dare sicurezza ai cittadini sul vaccino nel frattempo sospeso in attesa della decisione dell’Ema attesa per giovedì 18 marzo.

Intanto, secondo Speranza, “Il governo italiano considera i vaccini la prima vera chiave per chiudere questa stagione. Quanto avvenuto nelle ultime ore non incrina la nostra fiducia, la campagna di vaccinazione va quindi avanti. E dovrà accelerare anche con l’aumento delle dosi che avremo a disposizione. L’auspicio è che già da domani possa arrivare una risposta dall’Ema. Abbiamo massima fiducia e pretendiamo il massimo livello di sicurezza”.