Vaiolo delle scimmie: cos’è, sintomi, come si trasmette e cura

Vaiolo delle scimmie: cos’è, di cosa si tratta, quali sono i sintomi, come si trasmette la malattia e quali sono le cure disponibili?

Vaiolo delle scimmie: cos’è, di cosa si tratta, quali sono i sintomi, come si trasmette la malattia e quali sono le cure disponibili?

Vaiolo delle scimmie: cos’è, sintomi, come si trasmette e cura

Vaiolo delle scimmie: cos’è e quanti casi sono stati segnalati

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (Ukhsa) ha notificato l’individuazione di nuovi casi di vaiolo delle scimmie. Il primo paziente è un uomo recentemente rientrato nel Paese dopo essere stato in Nigeria. Tutti i soggetti che sono entrate in contatto con il paziente oppure hanno viaggiato con lui sono state contattate e sottoposte a profilassi contro il vaiolo. Al momento, la situazione sembrerebbe essere sotto controllo e non è scattata l’emergenza sanitaria.

Intanto, sono stati confermati decine di casi in Europa. In totale, nel Regno Unito si contano 9 casi mentre la medesima patologia è stata diagnosticata anche in 14 soggetti in Portogallo e 7 in Spagna. Un caso sospetto, poi, anche negli Stati Uniti d’America e 13 in Canada.

Il vaiolo delle scimmie è stato diagnosticato per la prima volta in Europa nel 1958 e alcuni casi vengono individuati ogni anno. Nel corso dei decenni, il numero delle persone contagiate dalla malattia è diminuito ma appare recentemente in aumento. Secondo gli esperti, una simile condizione dipende dal fatto che, dopo aver debellato il vaiolo, il vaccino di prevenzione non è stato più iniettato e, di conseguenza, la popolazione è maggiormente esposta al rischio di contagio.

A ogni modo, il vaiolo delle scimmie è meno contagioso di quello che si trasmette tra le persone ma può comunque essere passato da un soggetto infetto a un altro essere umano.

Sintomi, come si trasmette e cura

Per quanto riguarda i sintomi della malattia, questi sono simili al vaiolo: in un arco temporale di 10-12 giorni, nei soggetti infettati cominciano a manifestarsi febbre e dolori muscolari. In un secondo momento, compaiono eruzioni cutanee, dette pustole, sia sulle mani che sul volto.

I sintomi della patologia, nello specifico, possono essere riassunti come segue:

  • febbre e brividi;
  • cefalea;
  • mialgia;
  • dolore alla schiena;
  • spossatezza;
  • linfoadenopatia;
  • vescicole e pustole;
  • lesioni cutanee a grappolo su viso;
  • ingrossamento dei linfonodi.

Il vaiolo delle scimmie viene provocato dal virus Monkeyprox che fa parte della famiglia degli orthopoxvirus ossia il medesimo ceppo di vaiolo, cowpox e vaccina virus.

La malattia ha una durata di circa due o quattro settimane, al termine delle quali svanisce.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram