Fuga di documenti, il Vaticano si difende: “Nuovo cda per il Bambin Gesù”. Ma le anticipazioni dei libri in uscita fanno tremare la Santa Sede

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Rompe il silenzio la Santa Sede sui libri in uscita di Gianluigi Nuzzi e di Emiliano Fittipaldi e lo fa con le parole di padre Federico Lombardi. “Non ci sono altri indagati nell’inchiesta (per rivelazione di documenti segreti) Ovviamente, è normale che alla luce degli interrogatori si facciano dei riscontri, ma non ci sono altri nuovi indagati”. Fatto sta che i libri in uscita stiano creando preoccupazione e imbarazzi all’interno delle mura leonine. “Papa Francesco è sereno”, ha affermato padre Lombardi, “Sa ciò che deve fare. Ci sono difficoltà nella vita, le notizie non sono fonte di gioia ma non c’è nemmeno bisogno di dirlo. Il Papa comunque è sereno e non saranno certo questi due libri a influire sulle decisioni”.

INDAGINI BOLLENTI – A proposito dell’indagine ‘portfolio 339’ su sospetti di riciclaggio e insider trading “L’Ufficio del Promotore di Giustizia presso il Tribunale dello Stato della Città del Vaticano”, ha voluto spiegare ancora padre Lombardi, “a seguito di un rapporto dell’Autorità di Informazione Finanziaria, nel mese di febbraio 2015 ha avviato le indagini relative ad operazioni di compravendita di titoli e transazioni riconducibili a Gianpietro Nattino”. Secondo padre Lombardi, poi, le informazioni che usciranno nei libri sono “già note e superate” perché “Il Vaticano ha già voltato pagina”. I documenti riservati del Vaticano, Vatileaks 2, pubblicati da Gianluigi Nuzzi nel libro Via crucis e da Emiliano Fittipaldi nel libro Avarizia sono, ha spiegato padre Lombardi, “in buona parte” informazioni “già note, anche se spesso con minore ampiezza e dettaglio.

CHE SVOLTA – Sarà un caso o forse no, ma per l’ospedale Bambin Gesù la svolta nei vertici arriva proprio alla pubblicazione dei due volumi bollenti. Il Segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, ha spiegato che l’ospedale vaticano diventerà “una grande opera di carità che papa Francesco, sulla scia dei suoi predecessori, desidera sia e diventi sempre più”. E nel nuovo consiglio direttivo ci saranno, tra gli altri, anche Ferruccio De Bortoli e Anna Maria Tarantola.