Venerdì nero in Piazza Affari. Il listino milanese crolla e il Ftse Mib fa segnare -3,13%. Petrolio ai minimi e mercati ko: male tutti gli indici europei

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuovo venerdì nero per i listini europei. Crolla Piazza Affari con uno scivolone dell’indice Ftse Mib (-3,13%) a 18.600 punti. Si salva soltanto Moncler mentre tutti gli altri principali titoli delle aziende italiane fanno segnare un profondo rosso. Crolla il prezzo del petrolio a 58 dollari a barile, il minimo da oltre cinque anni. Malissimo anche tutti i titoli bancari. E se Milano piange il resto d’Europa non se la passa tanto meglio con Parigi che perde il 2,77% . Londra lascia sul terreno il 2,49% e Francoforte il 2,72%. Nel complesso le borse europee Hanno bruciato 236 miliardi di euro. Rallenta finanche la produzione industriale cinese tanto per far apparire più nebuloso che mai il quadro mondiale. Respirano soltanto gli Stati Uniti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA