Bufera Capitale. Via i vertici di Ama e Atac. Dimissioni a catena di Solidoro, Rettighieri e Brandolese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bufera Capitale anche su Ama e Atac.  Si è dimesso l’amministratore unico di Ama Alessandro Solidoro. Il manager era arrivato meno di un mese fa per sostituire il presidente Daniele Fortini. Solidoro  si era insediato il 4 agosto in pieno caos rifiuti e dopo settimane di scontro tra il suo predecessore Daniele Fortini e l’assessora all’Ambiente Paola Muraro. Le dimissioni sono legate al venir meno delle “condizioni per l’incarico affidatogli”. Le condizioni mutate sono le dimissioni dell’Assesore al Bilancio, Marcello Minenna, che lo aveva scelto. Rivoluzione anche nell’azienda che si occupa dei trasporti, l’Atac. Hanno gettato la spugna il direttore generale, Marco Rettighieri, e l’amministratore unico Armando Brandolese. Lo scontro si era acuito dopo la richiesta del Comune di avere una “visione preventiva” di tutti i trasferimenti dei dirigenti interni all’azienda. Per gli amministratori ingerenze esterne.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA