Via libera dell’Aifa al vaccino AstraZeneca. Consigliato dai 18 ai 55 anni. Arcuri: “A fine febbraio arriveremo a 6,3 milioni di dosi consegnate”

Astrazeneca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il via libera dell’Ema, arrivato nella giornata di ieri (leggi l’articolo), anche l’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa) ha approvato il vaccino anti Covid-19 di AstraZeneca. Il farmaco è stato autorizzato con l’indicazione per l’utilizzo preferenziale dai 18 ai 55 anni.

“Arriveremo a fine febbraio a 6.364.808 dosi consegnate, per finire il primo target e iniziare già il secondo in attesa del via libera a Aifa a Astrazeneca” ha detto il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, durante l’incontro con le Regioni sul piano vaccinale.

“Con l’ok ad Astrazeneca entriamo in una fase espansiva della vaccinazione e serve tutto il personale che abbiamo selezionato” ha detto, invece, nel corso dello stesso incontro il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Dobbiamo stare molto attenti a quello che ci dirà Aifa – ha aggiunto -, anche in altri paesi europei le agenzie nazionali danno dato indicazioni abbastanza stringenti, come la Germania che ha autorizzato l’utilizzo del vaccino fino a 65 anni. Noi aspettiamo la nostra autorità nazionale”.

“L’arrivo di un terzo vaccino rappresenta un importante contributo alla campagna vaccinale in corso”, commenta il direttore generale di AIFA Nicola Magrini e “AIFA ha fornito indicazioni per ottimizzare l’utilizzo dei vaccini esistenti sfruttandone al meglio le diverse caratteristiche”.

La Commissione tecnico-scientifica dell’Aifa ha confermato la valutazione dell’Ema sull’efficacia (59,5% nella riduzione delle infezioni sintomatiche da Covid-19) e sul rapporto beneficio/rischio favorevole del vaccino. “Abbiamo quindi una valida opzione aggiuntiva – affermano dall’Agenzia – nel contrasto della pandemia, anche in considerazione della maggiore maneggevolezza d’uso di questo vaccino. Si tratta di uno strumento che rafforza la campagna vaccinale in Italia e, seppure i dati a disposizione indichino una efficacia inferiore a quella degli altri due vaccini disponibili, la comparazione tra i tre vaccini è difficile, tenuto conto delle diversità delle popolazioni studiate e della necessità di completare gli studi”.

“In particolare – scrive ancora Aifa -, i dati degli studi registrativi del vaccino AstraZeneca mostrano un livello di incertezza nella stima di efficacia nei soggetti sopra i 55 anni, in quanto tale popolazione (nella quale tuttavia si è osservata una buona risposta anticorpale) era scarsamente rappresentata. Nel tentativo di contestualizzare le migliori condizioni di utilizzo di questo vaccino rispetto agli altri vaccini disponibili (BioNTech/Pfizer e Moderna) e sottolineando che una valutazione conclusiva potrà avvenire solo al termine degli studi clinici in corso”.

La Commissione tecnica dell’Aifa ha dunque suggerito: “Un utilizzo preferenziale dei vaccini a RNA messaggero nei soggetti più anziani e/o più fragili. Per la definizione di specifiche categorie di rischio si rimanda a quanto previsto dal piano strategico per la vaccinazione anti SARS-CoV2/COVID-19 del Ministero della Salute”.

E ancora: “Un utilizzo preferenziale del vaccino AstraZeneca, in attesa di acquisire ulteriori dati, in soggetti tra i 18 e i 55 anni, per i quali sono disponibili evidenze maggiormente solide”. La Commissione “si è riservata infine di fornire indicazioni puntuali su aspetti più specifici, quali l’intervallo tra la somministrazione delle due dosi, a seguito di ulteriori approfondimenti”.

“Abbiamo una ulteriore arma contro la pandemia – osserva in conclusione il Presidente Giorgio Palù – Altre presto se ne aggiungeranno. È auspicabile un approccio integrato tra vaccini e terapie anti COVID-19 attualmente in uso e in sperimentazione”.