Vittorio Sgarbi denuncia il consigliere 5s… e alla fine viene condannato lui (a pagare 15mila euro)

VITTORIO SGARBI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Fatto Quotidiano racconta oggi una storia che riguarda Vittorio Sgarbi e una recente condanna a risarcire 15mila euro nei suoi confronti. La vicenda riguarda l’onorevole di Forza Italia e un consigliere del Movimento 5 Stelle della provincia di Trento che si chiama Alex Marini.

Vittorio Sgarbi denuncia il 5s… e alla fine viene condannato lui

Sgarbi, ricorda Ilaria Proietti, aveva preso a male parole Marini perché in occasione della nomina del critico d’arte al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea (Mart), aveva osato ricordare l’assenteismo di Sgarbi alla Soprintendenza di Venezia e la sua condanna per truffa ai danni dello Stato. Per questo Sgarbi lo aveva querelato. Ma è finita maluccio:

Il Tribunale di Macerata ha stabilito che Marini, difeso dall’avvocato Rosa Rizzi, ha esercitato correttamente il diritto di cronaca: insomma ha detto la verità. Mentre ha condannato Sgarbi, che aveva attaccato Marini definendolo “depensante” e “onanis ta”. “Da parte dei potenti – dice Marini del M5S – c’è l’abitudine a usare la minaccia dell ’azione risarcitoria come strumento di pressione. Proprio quello che Sgarbi ha cercato di fare nei miei confronti dopo avermi scaricato addosso una quantità di insulti gratuiti. Ma anche chi è ricco e famoso non può permettersi di calpestare il prossimo”.

E così Vittorio Sgarbi è stato condannato a pagare 15mila euro dal tribunale di Macerata. Come risarcimento proprio a Marini.

Leggi anche: Gli anziani in coda al gelo per il vaccino in Lombardia: “Letizia Moratti, vergognati!”

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA