God save the queen. Il Principe Carlo la spara grossa: l’Isis è colpa del clima. E ora è più facile capire perché la Regina non gli molla il trono

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Isis e la guerra in Siria? Colpa dell’inquinamento e del clima. È un’ipotesi talmente raffinata quella tirata fuori dal principe Carlo da far augurare lunga vita alla madre Elisabetta. Che chi sarà un motivo se non lascia al figlio il trono. Il principe Carlo, che parlerà in apertura della conferenza sul clima di Parigi la prossima settimana, in un’intervista a Skynews ha spiegato che i mutamenti climatici hanno creato siccità e questo ha spinto una gran parte delle popolazioni a trasferirsi dalle campagne verso le città, anche in Siria, creando forti problemi. Il principe Carlo ha ricordato il mancato accordo sul clima al summit di Copenhagen nel 2009, chiusosi con “un vero disastro”. “È stata una tragedia – ha detto – perché abbiamo perso tutti questi anni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA