Voragine nella spesa pubblica. Tra sprechi e truffe nel 2015 un danno patrimoniale per lo Stato superiore ai 4 miliardi

dalla Redazione
Economia

Un danno patrimoniale per lo Stato superiore ai 4 miliardi soltanto nell’anno 2015. Sono conti in profondo rosso quelli evidenziati dall’annuale rapporto della Guardia di Finanza. Sprechi nella Pubblica amministrazione e truffe ai finanziamenti pubblici hanno aperto l’ennesima voragine nei conti pubblici.

Il rapporto sottolinea che sono stati assegnati in maniera irregolare appalti pubblici per oltre un miliardo, quasi un terzo del totale. Sono poi 1.474 persone le persone denunciate dalle Fiamme Gialle, 73 delle quali sono state arrestate. Boom anche per quanto riguarda gli evasori fiscali totali, vale a dire soggetti che pur avendo prodotto reddito risultano completamente sconosciuti al fisco. Erano stati ottomila nel 2014, sono stati 8.485 nell’ultimo anno. Denunce per reati fiscali a 13.665 soggetti, 104 dei quali arrestati. Ai responsabili di frodi fiscali sono infine state sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziare per il recupero delle imposte evase per 1,1 miliardi ed avanzate proposte di sequestro per altri 4,4 miliardi.

SCARICA IL RAPPORTO DELLA GUARDIA DI FINANZA