Si voterà anche alle 17. Ma il nome della Casellati divide in due i grandi elettori. Pd, M5s e Leu si astengono: “La candidatura della seconda carica dello Stato è unilaterale”

Casellati Quirinale Letta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi doppia chiama a Montecitorio per eleggere il presidente della Repubblica. La seconda si terrà alle 17. Lo hanno deciso i capigruppo. Domani le votazioni si terranno alle 9.30 ed alle 16.30.  “Consideriamo la unilaterale candidatura della seconda carica dello stato, peraltro annunciata a un’ora dalla quinta votazione, un grave errore. Per il rispetto che si deve alle istituzioni, oggi esprimeremo un voto di astensione nella formula ‘presente non votante'” hanno annunciato i leader di Pd, M5s e Leu al termine del vertice commentando la decisione del centrodestra di puntare su Maria Elisabetta Alberti Casellati (leggi l’articolo).

“Mi sto chiedendo sinceramente se ho fatto bene a fidarmi, siamo stati portati in giro per tre giorni”, aveva detto stamattina Enrico Letta commentando le ipotesi avanzate dal centrodestra. “Abbiamo sempre lavorato per l’unità. L’impressione – ha aggiunto il leader dem – è che abbiano tentato di dividerci, con idee fantasiose con l’obiettivo di dividere e non di trovare una soluzione per il Paese. Chiederemo a Fico di aumentare le votazioni e arrivare almeno a due votazioni al giorno”.