Il voto online degli attivisti del M5S sul caso Diciotti. Il 59% ha detto no all’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini. Record di votanti, oltre 52mila

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Hanno votato 52.417 iscritti del M5S alle votazioni online riguardanti il caso Diciotti e la relativa autorizzazione a procedere nei confronti del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Relativamente alla risposta: “Si, è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere negata l’autorizzazione a procedere” hanno votato 30.948 (59,05%). Relativamente alla risposta: “No, non è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere approvata l’autorizzazione a procedere” hanno votato 21.469 (40,95%).

La maggioranza degli attivisti M5S ha pertanto deciso che il fatto è avvenuto per la tutela di un interesse dello Stato, quindi deve essere negata l’autorizzazione a procedere. La votazione odierna entra nella storia della piattaforma Rousseau per essere stata quella con il maggior numero di votanti di sempre in una singola giornata. “Un record. E ciò – scrive il Blog delle stelle in un post – conferma l’importanza dei principi di democrazia diretta all’interno del MoVimento 5 Stelle”.

“Far votare i cittadini fa parte del nostro Dna – ha commento su Facebook il leader del M5S Luigi Di Maio -, lo abbiamo sempre fatto come accaduto per il contratto di Governo. L’altissimo numero di votanti dimostra anche questa volta che Rousseau funziona e si conferma il nostro strumento di partecipazione diretta. Con questo risultato i nostri iscritti hanno valutato che c’era un interesse pubblico e che era necessario ricordare all’Europa che c’è un principio di solidarietà da rispettare”.