Zelensky è pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum. “I russi se ne devono andare e rispondere di quello che hanno fatto”

Zelensky
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Io sono pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum”. È quanto ha detto a Porta a Porta il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky. “Per quel che riguarda le trattative con la Russia – ha aggiunto Zelensky intervistato da Bruno Vespa -, la questione si complica ogni giorno perché i russi occupano villaggi, molte persone hanno lasciato le loro case, sono state uccise dai russi e vedo tracce di torture e uccisioni. Noi non salviamo la faccia di Putin pagando con i nostri territori. Sarebbe ingiusto” (tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina).

“Non credo che Putin riuscirà a salvare la faccia. Non sto pensando in generale alla figura di questa persona ma dobbiamo pensare a futuro della Russia. Io come presidente ucraino sto pensando a questi che sono i nostri e ci saranno altri presidenti e generazioni e nessuno può spostarsi da lì”, ha aggiunto Zelensky, secondo il quale il presidente russo “per salvare la faccia deve salvare il suo stato, io non devo pensare per lui”.

Zelensky: “I russi se ne devono andare e rispondere di quello che hanno fatto”

“I russi – ha detto ancora Zelensky a Porta a Porta – se ne devono andare e devono rispondere di quello che hanno fatto. Non possiamo accettare compromessi per la nostra indipendenza. L’Ucraina vuole la pace, cose normalissime come il rispetto della sovranità, dell’integrità territoriale, delle tradizioni del popolo, della lingua. Possono essere cose banali ma sono tutte cose violate dalla Russia e che devono essere ripristinate”.

“Non riconosceremo mai la Crimea come parte della Federazione russa”

“Non ho mai parlato di riconoscere l’indipendenza della Crimea, non la riconosceremo mai come parte della Federazione russa” ha detto ancora il premier ucraino. “Anche prima della guerra – ha aggiunto Zelensky – la Crimea aveva autonomia, ma è sempre stato territorio ucraino. Noi abbiamo detto che siamo pronti a parlare con la Russia. Ora non possiamo deliberare una decisione sulla Crimea perché c’è la guerra, la lasciamo da parte se ostacola l’incontro e credo che questa proposta sia stata giusta”.

“Non vedo tutta questa differenza tra la posizione europea e quella americana. Siamo tutti uniti sull’obiettivo di ripristinare l’integrità territoriale dell’Ucraina – ha proseguito -, ma senza forze armate ucraine potenti la base delle trattative con la Russia non sarà potente”. Le forze armate russe, ha detto Zelensky, “sono quattro volte più grandi, il loro Stato è otto volte più grande, ma noi siamo dieci volte più forti come persone perché siamo sulla nostra terra”. “Per noi – ha proseguito il presidente ucraino – la vittoria è solo restituire le cose nostre, per loro è rubare qualcosa degli altri. Non siamo in condizioni di parità, la Russia è più forte, ma il mondo è unito intorno a noi, e sentiamo che passo dopo passo stiamo riuscendo. Quindi Draghi ha ragione, noi possiamo vincere perché stiamo combattendo per la verità e non siamo da soli”.