Casinò di Saint-Vincent. L’ex numero uno Frigerio condannato a 4 anni per falso in bilancio. Dovrà pagare anche un risarcimento di 120 milioni alla Regione Valle D’Aosta

dalla Redazione
Cronaca

Stangata del tribunale di Aosta nei confronti dell’ex amministratore unico del Casinò di Saint-Vincent Luca Frigerio. Con una sentenza storica, i giudici hanno condannato l’imputato, accusato di falso in bilancio e truffa ai danni dello Stato, a quattro anni di reclusione più il pagamento di centoventi milioni di euro. Un maxi risarcimento che l’allora vertice della struttura dovrà versare alla Regione Valle d’Aosta. Il processo, infatti, riguardava i 140 milioni di euro di finanziamenti regionali erogati alla casa da gioco tra il 2012 e il 2015. Ma c’è di più perché ieri lo stesso tribunale di Aosta ha ammesso il piano di concordato per il salvataggio del Casinò che era stato presentato il 12 marzo scorso. Un tentativo disperato di salvare il Casinò che introdurrà una significativa riduzione dei costi del personale, con 64 esuberi nel comparto alberghiero e altri 33 tra gli addetti al funzionamento della casa da gioco. Misure che gli stessi dipendenti avevano accettato, votando in un apposito referendum.