Che bomba! L’America di Trump sgancia la potentissima Moab sui tunnel dell’Isis in Afghanistan

dalla Redazione
Mondo

La chimano Moab, acronimo di Massime Ordnance Air Blast, traducibile in “madre di tutte le bombe”. E gli Stati Uniti l’hanno sganciata sull’Afghanistan, colpendo uno dei tunnel dell’Isis. L’ordigno non nucleare è stato lanciato su ordine del presidente Donald Trump, ma a firmare l’ordinanza il generale John Nicholson, capo delle operazioni sul territorio afghano. L’obiettivo individuato era nel distretto di Achin, nella provincia di Nangarhar, dove si trovavano i miliziani del cosiddetto gruppo Khorasan, una delle cellule più temibili dello Stato islamico, che sono in lotta anche con i talebani rimasti fedeli ad Al Qaeda.

L’uso della Moab conferma la volontà della Casa Bianca di mostrare tutta la propria forza nella lotta ai nemici. L’ordigno è stato costruito poco dopo il Duemila, durante la Seconda guerra del Golfo in Iraq. Da un punto di vista tecnico-strategico non è un’arma di “penetrazione”, visto che è stata ideata per distruggere obiettivi con superfici non resistenti e soprattutto in zone ben delimitate, come nel caso dei tunnel e delle caverne realizzate dai combattenti jihadisti al confine con il Pakistan.

Loading...