E la Capitale si scoprì ingovernabile

di Gaetano Pedullà

Hanno poco da ridere avversari del Pd e del Centrodestra. Gli scogli sui quali si è infranta la squadra di Virginia Raggi erano ampiamente segnalati sulla rotta. Nessuno aveva mai immaginato che governare Roma potesse essere una navigazione facile. Certo, la fuga in massa del capo di gabinetto scoperto incompatibile dall’Autorità anticorruzione, dell’assessore al Bilancio, dei vertici delle aziende di trasporti e rifiuti, sa di disfatta dell’intero modello di amministrazione dei Cinque Stelle. E di sicuro non è un buon segnale sulla possibilità di attuare i programmi salvifici annunciati in campagna elettorale. La Raggi è però in sella da appena due mesi. Un tempo nel quale non è avvenuto quasi niente, ma che resta troppo breve per tracciare già da adesso un bilancio. E se è vero che pezzi della sua squadra l’hanno mollata, è altrettanto vero che i suoi elettori sono tutti con lei, forse persino più convinti di prima. Per questo non si capisce la gioia degli avversari politici, ieri così diffusa sul web, felici di vedere la sindaca lasciata isolata. Sinistra e destra oggi più allo sbando di ieri, lasciati soli non dai loro amministratori ma dai cittadini.

  • honhil

    E’ tutto lo Stivale ingovernabile, per il semplicissimo fatto che ciascun eletto e ciascun burocrate e ciascun manager è un ras. Chiunque è dietro una scrivania, fosse anche la scrivania del più scalcagnato degli uscieri, detta legge: la propria legge. Da Ragusa, dalla procura di Ragusa, arriva un esempio di questo modo personalistico di mischiare le carte a proprio uso e consumo. Il fatto è di primo piano: riguarda «il caso del cittadino indiano denunciato il 16 agosto scorso con l’accusa d’aver tentato di rapire una bimba di 5 anni sulla spiaggia di Scoglitti» e gli strascichi che si è lasciato dietro per il di lui mancato fermo. «Il reato da contestare – dice con ironia il procuratore capo di Ragusa Carmelo Petralia, intervistato da Repubblica Palermo – sarebbe quello di ‘presa di bambina in braccio’, ma il nostro Codice non lo prevede». Una chiara ed esemplare dimostrazione del fatto che l’unico a fare l’indiano, prendendo per i fondelli l’opinione pubblica, è quel procuratore capo, alfine di difendere la posizione di quella procura. Poco curandosi, forse nella foga dell’intervista, della chiave di lettura e dell’effetto che avesse potuto scatenare la sua ironia dal sapore un po’ troppo extra legem. Tuttavia, ancora peggio, molto peggio, sembra il messaggio che lancia ai tanti squilibrati e pedofili che girano in ogni ora del giorno e della notte per lo Stivale. Che da adesso in poi faranno valere a loro piacimento il proprio diritto di ‘presa di bambina in braccio’. Tanto troveranno sempre un togato alla Carmelo Petralia che li scagionerà. Mentre i genitori con figli minori non sapranno più a che Santo votarsi. Si è chiesto mai quel magistrato, per quale cazz@ di motivo quel signore ha preso in braccio la bambina? Qual è la pulsazione che ha soddisfatto, nel farlo? No, quel procuratore, evidentemente non ha avuto bisogno di farsi alcuna domanda. Nella veste di procuratore capo, psichiatra, psicologo e psicoterapeuta ha fatto tutto lui e ha deciso, insindacabilmente, che no, quell’indiano, non voleva rapire la bimba. No davvero.

  • Saverio Schinzari

    L’unica categoria sanzionata dagli stessi soggetti della Casta a cui appartengono. E vivono tutti felici e contenti !…….. E strapagati profumatamente !……

  • Saverio Schinzari

    Tempo al tempo.E’ evidente che c’è un tentativo di screditare la Raggi e il Movimento 5 Stelle. L’operazione è importante perchè se dovessero fallire a Roma, tutto il movimento farebbe KaraKiri. Indubbiamente c’è stato un pizzico di ingenuità nella conduzione della scelta degli assessori da parte del sindaco, ma da qui ad allinearsi ai pareri di parte degli stessi che hanno distrutto la capitale nell’ultimo ventennio, ce ne corre. Roma ha un debito di ben 13 milardi di euro e 500 miloni di euro l’anno sono i soldi che i romani tolgono dalle tasche per ripagare il debito della città. E’ evidente che in tali condizioni di grave defaillance finanziaria non è assolutamente conciliabile la futura operazione Olimpiadi a Roma. E questo spiace molto, in particolare ai tanti palazzinari che detengono le leve dell’informazione della carta stampata e ai tanti personaggi politici e del sottobosco collegato a tali forze economiche. Lasciatela lavorare, bensi’ ricordatevi del Sala sindaco di Milano che tanto piace a Renzi, indagato e probabilmente ineleggibile per aver nascosto varie proprietà in Svizzera, che nominava assessore al bilancio il suo socio e capo gabinetto il curatore della sua campagna elettorale, spendendo in nomine più della Raggi, mentre revocava dopo appena cinque giorni il suo segretario generale Antonella Petrocelli imputata per turbativa d’asta. Ma nessuno ne ha parlato, la censura dell’informazione allineata ha così deciso. Signori miei, per dirla come qualcuno che siede in alto, siamo ricaduti nel mondo de ” La Settimana Incom ” e dell’istituto Luce. Auguri.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Informazione mai tanto in ostaggio

Queste sì che sono soddisfazioni. L’Italia guadagna 25 posizioni nella classifica più farlocca del pianeta: sulla libertà di stampa siamo passati dal 77 al 52esimo posto. Un balzo in avanti che già da solo la dice lunga su come è compilata questa graduatoria. E d’altra parte chi può battere i giornalisti sul terreno delle fake…

Continua

Battaglia oscurantista sulla salute

Non c’è niente di più oscurantista delle guerre di religione. Se Mao definiva le fedi l’oppio dei popoli, non serve un approccio particolarmente laico e ragionante per definire folli quei sedicenti martiri che si fanno esplodere in odiosi attentati o si fanno ammazzare dopo aver affidato ai loro kalashnikov la nuova semina di odio e…

Continua

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua