E la Capitale si scoprì ingovernabile

di Gaetano Pedullà

Hanno poco da ridere avversari del Pd e del Centrodestra. Gli scogli sui quali si è infranta la squadra di Virginia Raggi erano ampiamente segnalati sulla rotta. Nessuno aveva mai immaginato che governare Roma potesse essere una navigazione facile. Certo, la fuga in massa del capo di gabinetto scoperto incompatibile dall’Autorità anticorruzione, dell’assessore al Bilancio, dei vertici delle aziende di trasporti e rifiuti, sa di disfatta dell’intero modello di amministrazione dei Cinque Stelle. E di sicuro non è un buon segnale sulla possibilità di attuare i programmi salvifici annunciati in campagna elettorale. La Raggi è però in sella da appena due mesi. Un tempo nel quale non è avvenuto quasi niente, ma che resta troppo breve per tracciare già da adesso un bilancio. E se è vero che pezzi della sua squadra l’hanno mollata, è altrettanto vero che i suoi elettori sono tutti con lei, forse persino più convinti di prima. Per questo non si capisce la gioia degli avversari politici, ieri così diffusa sul web, felici di vedere la sindaca lasciata isolata. Sinistra e destra oggi più allo sbando di ieri, lasciati soli non dai loro amministratori ma dai cittadini.

Commenti

  1. honhil

    E’ tutto lo Stivale ingovernabile, per il semplicissimo fatto che ciascun eletto e ciascun burocrate e ciascun manager è un ras. Chiunque è dietro una scrivania, fosse anche la scrivania del più scalcagnato degli uscieri, detta legge: la propria legge. Da Ragusa, dalla procura di Ragusa, arriva un esempio di questo modo personalistico di mischiare le carte a proprio uso e consumo. Il fatto è di primo piano: riguarda «il caso del cittadino indiano denunciato il 16 agosto scorso con l’accusa d’aver tentato di rapire una bimba di 5 anni sulla spiaggia di Scoglitti» e gli strascichi che si è lasciato dietro per il di lui mancato fermo. «Il reato da contestare – dice con ironia il procuratore capo di Ragusa Carmelo Petralia, intervistato da Repubblica Palermo – sarebbe quello di ‘presa di bambina in braccio’, ma il nostro Codice non lo prevede». Una chiara ed esemplare dimostrazione del fatto che l’unico a fare l’indiano, prendendo per i fondelli l’opinione pubblica, è quel procuratore capo, alfine di difendere la posizione di quella procura. Poco curandosi, forse nella foga dell’intervista, della chiave di lettura e dell’effetto che avesse potuto scatenare la sua ironia dal sapore un po’ troppo extra legem. Tuttavia, ancora peggio, molto peggio, sembra il messaggio che lancia ai tanti squilibrati e pedofili che girano in ogni ora del giorno e della notte per lo Stivale. Che da adesso in poi faranno valere a loro piacimento il proprio diritto di ‘presa di bambina in braccio’. Tanto troveranno sempre un togato alla Carmelo Petralia che li scagionerà. Mentre i genitori con figli minori non sapranno più a che Santo votarsi. Si è chiesto mai quel magistrato, per quale cazz@ di motivo quel signore ha preso in braccio la bambina? Qual è la pulsazione che ha soddisfatto, nel farlo? No, quel procuratore, evidentemente non ha avuto bisogno di farsi alcuna domanda. Nella veste di procuratore capo, psichiatra, psicologo e psicoterapeuta ha fatto tutto lui e ha deciso, insindacabilmente, che no, quell’indiano, non voleva rapire la bimba. No davvero.

  2. Saverio Schinzari

    L’unica categoria sanzionata dagli stessi soggetti della Casta a cui appartengono. E vivono tutti felici e contenti !…….. E strapagati profumatamente !……

  3. Saverio Schinzari

    Tempo al tempo.E’ evidente che c’è un tentativo di screditare la Raggi e il Movimento 5 Stelle. L’operazione è importante perchè se dovessero fallire a Roma, tutto il movimento farebbe KaraKiri. Indubbiamente c’è stato un pizzico di ingenuità nella conduzione della scelta degli assessori da parte del sindaco, ma da qui ad allinearsi ai pareri di parte degli stessi che hanno distrutto la capitale nell’ultimo ventennio, ce ne corre. Roma ha un debito di ben 13 milardi di euro e 500 miloni di euro l’anno sono i soldi che i romani tolgono dalle tasche per ripagare il debito della città. E’ evidente che in tali condizioni di grave defaillance finanziaria non è assolutamente conciliabile la futura operazione Olimpiadi a Roma. E questo spiace molto, in particolare ai tanti palazzinari che detengono le leve dell’informazione della carta stampata e ai tanti personaggi politici e del sottobosco collegato a tali forze economiche. Lasciatela lavorare, bensi’ ricordatevi del Sala sindaco di Milano che tanto piace a Renzi, indagato e probabilmente ineleggibile per aver nascosto varie proprietà in Svizzera, che nominava assessore al bilancio il suo socio e capo gabinetto il curatore della sua campagna elettorale, spendendo in nomine più della Raggi, mentre revocava dopo appena cinque giorni il suo segretario generale Antonella Petrocelli imputata per turbativa d’asta. Ma nessuno ne ha parlato, la censura dell’informazione allineata ha così deciso. Signori miei, per dirla come qualcuno che siede in alto, siamo ricaduti nel mondo de ” La Settimana Incom ” e dell’istituto Luce. Auguri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Lo spread della nostra dignità

La Manovra è a un passo dal via libera dell’Europa, il Parlamento ha varato definitivamente la legge anticorruzione, a Genova è tutto pronto per ricostruire il ponte. Dopo aver letto un giorno sì e l’altro pure che Cinque Stelle e Lega stavano per rompere e il Governo per cadere, qualcosa non torna. Persino ieri mattina,…

Continua

Un Paese senza patrioti

In politica i colpi bassi sono la regola, ma quando c’è di mezzo un grave pericolo per il Paese tutti dovrebbero far quadrato, rinviando a un momento più opportuno le legittime divergenze di interessi e di opinione. Ricordiamo, solo per fare un esempio, come reagirono gli Usa agli attentati dell’11 settembre. Democratici e Repubblicani si…

Continua

Grandi opere, un’analisi tra lealtà e benefici

Nel Paese dove la burocrazia può metterci anni solo per spostare una pratica da un tavolo a un altro, in queste ore c’è chi protesta perché il Governo si è preso pochi mesi per decidere se proseguire o no alcune costosissime opere. Così è stato per il Tap, il gasdotto sottomarino che arriverà in Puglia,…

Continua

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua