I 5 Stelle e la maturità garantista

di Gaetano Pedullà

Prima o poi anche il partito dei più onesti può addentare una mela marcia. Non è detto che questo sia già accaduto ai Cinque Stelle, che sulla vicenda del sindaco di Quarto sembrano più la parte lesa. La storia è però opaca e quindi è naturale che i duri e puri del Movimento chiedano il passo indietro della prima cittadina. Ma la soluzione giacobina garantisce sul serio dall’intrusione del malaffare in politica e nelle amministrazioni? Sicuramente no e le mele veramente marce possono farvi leva facilmente per liquidare chi resiste agli interessi più inconfessabili. Costruire dossier e sospetti è uno sport nazionale nel quale siamo imbattibili. Se poi i papelli si trasformano in un avvisi di garanzia la decapitazione è assicurata. Per questo esiste la giustizia con il suo corso e per questo un Paese che vuole dirsi civile non può non essere garantista, perseguendo chi delinque ma anche difendendo l’onorabilità fino a prova contraria di tutti i cittadini. Per i Cinque Stelle, che hanno fatto della questione morale una bandiera, ora è troppo facile lapidare il sindaco di Quarto. Ma non farlo sarebbe una prova di maturità. E di vera forza di fronte al malaffare.

Commenti

  1. Saverio Schinzari

    I Cinque Stelle non stanno lapidando nessuno. Essere andati al potere con i voti della camorra, con il consigliere Del Robbio espulso 10 giorni prima che ricevesse l’avviso di garanzia, avrebbe dovuto consigliare la sindaca Capuozzo per i principi ispiratori dei 5 Stelle a dimettersi spontaneamente. Che non vuol dire che anche lei sia una componente dei clan, ma semplice opportunità politica. E’ la stessa cosa che si chiedeva a Marino a Roma. Sembra invece ad un attento esame, grazie ad una serie di pennivendoli asserviti, voler legittimare la tesi che siamo o sono tutti uguali, e dunque perchè scandalizzarsi per i tanti PD inquisiti e mai dimessi o buttati fuori dagli organi di partito ? Garantismo politico, onorabilità, sono la stessa cosa ed è tutt’altra cosa di quanto cercano di far passare per buono. All’estero i politici si dimettono non appena soffia il vento. Per l’appunto garanzia di moralità per il cittadino e per tutti gli onesti. Non l’ha certo ordinato il medico di fare il politico. Ne pas ?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Tra i grandi del mondo non ci siamo

Trump e Putin si siedono a tavolino e decidono le sorti del mondo. Certo, il vertice di Helsinki non è Yalta, ma i due non soffrono di sensi di inferiorità rispetto a Napoleone e Carlo Magno, figuriamoci per Roosvelt e Stalin. Quello che ha dell’incredibile è però che possono farlo, spartendosi ciò che gli pare…

Continua

La retorica bugiarda del Paese che non cambia

Il Governo Conte non ha fatto ancora niente, siamo solo agli annunci, i fatti concreti non si vedono. La retorica delle opposizioni all’Esecutivo di M5S e Lega ci sta bombardando con queste parole d’ordine. Ma le cose stanno veramente così? Sfogliamo insieme questo giornale, e non c’è una sola pagina senza prove concrete di un…

Continua

Unione (alcolisti) Europea

L’Europa guidata da un ubriaco. Se qualcuno non avesse capito perché andiamo sempre a sbattere, si guardi le immagini del vertice di ieri tra i Paesi della Nato. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si è presentato talmente fuori controllo da non stare neppure in piedi. Una fotografia tragica per le condizioni di quest’uomo…

Continua

Una nuova lezione dalle urne

Non solo un Pd ai minimi storici e così tramortito da non riuscire a darsi una nuova leadership. Nell’eredità del renzismo c’è il tracollo della Sinistra a ogni latitudine della società italiana, come dimostra anche il tracollo al Csm di quelle che una volta si sarebbero chiamate toghe rosse. La stragrande vittoria di un magistrato…

Continua

Democrazia in deficit nelle banche

A sentire l’Abi, l’associazione delle banche di casa nostra, con l’avanzata del nazionalismo l’Italia può finire in bancarotta come l’Argentina. Certo, il mago Otelma sarebbe stato più capace di prevedere il crollo delle Popolari o del Monte dei Paschi, ma il campanello d’allarme suonato dai banchieri non va comunque sottovalutato, anche perché l’avvertimento segue a…

Continua

Il Colle parli dei soldi della Lega

Hanno parlato di migranti e Libia. Forse anche del caldo che fa. Ma di magistratura neppure un cen- no. Così ci dice il Viminale e il Quirinale non lo smentisce. Dunque perché non crederci anche se il partito di Salvini ha quel problemuccio dei 49 milioni di euro sequestrati per i finanziamenti pubblici spariti ai…

Continua

Una svolta per politici e giudici

Il sottosegretario alla Giustizia Morrone (Lega) ieri sera ha chiarito: quando si è augurato che la magistratura si liberi delle correnti, e soprattutto di quelle della Sinistra, non voleva dire quello che ha detto. Al ministro Bonafede la giustificazione è bastata e dunque tutto bene madama la marchesa! La luna di miele tra politica e…

Continua

Sacrificare la stampa è un errore

Chi segue questo giornale da oltre cinque anni sa bene quanto malaffare abbiamo scoperchiato, denunciando una montagna di abusi anche nella pubblica amministrazione. Per poterlo fare liberamente non abbiamo voluto alle spalle editori impuri, cioè soggetti economici che hanno i loro business principali in settori diversi dalla pubblicazione dei quotidiani, e a scanso di equivoci…

Continua

L’ultima Ong con Boeri al comando

Il presidente dell’Inps Tito Boeri non c’entra nulla con i trafficanti che campano grazie ad immigrati e accoglienza. Dal suo osservatorio ripete da sempre che l’Italia deve dire grazie ai migranti, perché da loro l’Istituto di previdenza incassa un mucchio di contributi e con questi paga a tutti le pensioni. Ma Boeri non è certo…

Continua

Abracadabra soltanto sui soldi Pd

La Cassazione chiude i giochi sul tesoretto dei rimborsi elettorali fatti sparire dalla Lega. La vicenda risale all’epoca della segreteria di Umberto Bossi e per quella che è stata riconosciuta come una palese appropriazione illecita sono già arrivate diverse condanne, con in testa l’allora tesoriere del partito, Francesco Belsito. Parallelamente lo Stato ha cercato di…

Continua