I traditori dell’Italia sotto attacco

di Gaetano Pedullà

Proviamo a immaginare cosa sarebbe successo l’11 settembre 2001 se dopo la tragedia delle torri gemelle la politica Usa si fosse messa a litigare sul fallimento della prevenzione, invece di fare quadrato contro il terrorismo. La lezione fu chiarissima: quando la nazione è minacciata, un Paese serio pensa solo all’interesse del suo popolo. Purtroppo qui in Italia c’è chi non ragiona così. La speculazione internazionale ci sta attaccando con lo spread, una roba che non fa meno danni delle bombe, gettando le basi per trafugare decine di miliardi di euro degli italiani, sotto forma di maggiori interessi sul debito pubblico. Di Maio e Salvini, entrati in crisi per la vicenda mal gestita di un condono non concordato, sanno bene che far cadere il Governo sotto un tale bombardamento dei mercati sarebbe criminale per la nostra economia. Per questo, senza voler fare nessuno dei due la parte del fesso, stanno trovando una soluzione per riscrivere la norma, aiutati da un premier che sta svolgendo egregiamente il suo ruolo di mediazione. Tutto intorno però che succede? Dai giornaloni nostalgicamente orfani dei bei tempi in cui c’erano il Pd e dei poteri forti amici dei loro editori, fino alle opposizioni e ai commentatori che dilagano in tv, invece di fare scudo tutti insieme sull’Italia fomentano le divergenze nell’Esecutivo, arrivando a giustificare le angherie di Bruxelles e i mercati che questa settimana hanno bruciato 6 miliardi di capitalizzazione a Piazza Affari e presto presenteranno il conto sulle rate dei mutui. Una folla di irresponsabili. Anzi, di traditori del Paese.

Commenti

  1. honhil

    Che differenza c’è tra ‘il comizio di Michael Moore, al festa del cinema di Roma’ e il duetto tra Fabio Fazio e Mimmo Lucano, ieri sera a “Che tempo che fa”? Nessuna, a parte i soldi pubblici impiegati, verrebbe da rispondere lì per lì. Né poteva esserci sposando la medesima finalità: screditare il nemico politico. Invece, a pensarci bene, su Rai1, nel mirino di Fazio e Lucano, oltre a Selvini e a quello che rappresenta, c’era anche una certa procura. Mimmo Lucano, l’indagato Mimmo Lucano, ieri sera è stato dunque a “Che tempo che fa”, ospite di Fabio Fazio, lo stipendiato Rai più pagato di tutti i tempi. Al di là e al di qua di quello che politicamente, ideologicamente e in termini di strategia possa aver rappresentato e rappresentare quest’invito per il sindaco di Riace, con questo strappo istituzionale, la sinistra, tramite Fazio, che, mai va dimenticato, è un dipendente Rai (con uno stipendio che è uno scandalo senza fine), si è posta sopra la legge. Che, tuttavia, non è una novità. Ma che prima d’ora mai era stato fatto con tanta spacchiosa spudoratezza. A parti invertite, però, quest’invito e il J’Accuse per niente sottinteso, sicuramente e da parte della stampa dalla schiena dritta, dal Pd tutto e dallo stesso Fazio e Lucano, una simile intervista sarebbe stata stigmatizzata come fuorilegge. Mentre tutti i partecipati e lo stesso canale Tv ospitante sarebbero stati etichettati come ‘razzisti, bigotti e omofobi’.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Due idee sul nostro futuro legate alla fortuna politica di M5S e Lega

Per essere incompetenti, nuovi barbari e buoni solo a litigare tra loro, Cinque Stelle e Lega sono stati piuttosto bravini a realizzare due riforme epocali come il Reddito di cittadinanza e Quota cento. In un Paese ingessato dalla mancanza di idee, di coraggio, di immaginazione del futuro, queste sono le due più importanti novità viste…

Continua

La stampa militante si è smarrita. Ormai pensa solo a mettere in cattiva luce l’Esecutivo

Una delle prime cose facili facili che si insegnano agli studenti di diritto è l’interpretazione autentica del legislatore. Per chi non ha calcato le aule delle Università, si tratta del parere che è possibile chiedere direttamente alla fonte della legge, cioè il Parlamento, nel caso in cui sorgano equivoci sul significato di una norma. Una…

Continua

La lezione della Brexit. Dalla tela di ragno di Bruxelles non c’è modo di uscire

Doveva essere un matrimonio d’amore o alla peggio d’interesse, e invece per molti Paesi l’Unione europea è diventata un costoso ménage, da cui per di più è impossibile divorziare. Il catastrofico verdetto del Parlamento di Londra alla Brexit negoziata dalla premier Theresa May è la prova che da questa tela di ragno non c’è modo…

Continua

Finito il principio per cui chi ha ucciso in nome di ideali comunisti e rivoluzionari non ne risponde

Preso Battisti, a sentire certi sapientoni di Sinistra il Governo ha strumentalizzato l’occasione per fare un po’ di passerella. Ci avesse pensato qualcun altro prima, la foto opportunity sarebbe stata diversa. Il punto è che nessuno è riuscito ad acchiappare prima questo assassino perché c’è una parte politica che ne ha coperto per 37 anni…

Continua

La legittima difesa del Governo

A leggere i giornali di ieri sembrava di vivere in due mondi diversi. Ad eccezione della Notizia e della Verità su tutti gli altri c’erano pagine e pagine sul logoramento della maggioranza, retroscena di veti incrociati su Reddito di cittadinanza e Quota cento, persino le previsioni di una imminente secessione di Salvini da Di Maio.…

Continua

La grande bufala del Governo sotto a un treno

Neanche il tempo di smentire la bufala dell’imminente caduta del Governo per i migranti sbarcati a Malta che ecco nuovi clamorosi scoop sui giornali dello sfascio. Grillo si è convertito ai vaccini come Renzi e Burioni, Lega e Cinque Stelle sono alla rottura totale su Tav e trivelle, il Reddito di cittadinanza slitta perché c’è…

Continua

La fermezza non dimentichi l’umanità

Troppo preso dalle grandi manovre dei partiti sovranisti in Europa, Matteo Salvini si è accorto solo ieri in Polonia che il Governo di cui è vicepremier è coinvolto da giorni in una trattativa per non far pagare ai 49 disperati a largo di Malta tutte le responsabilità e le contraddizioni di Bruxelles sui migranti. Furibondo…

Continua

Le nomine al Consiglio superiore di Sanità. Ipocrisia su politica e scienza

Parlano di scienza ma la storia che ci raccontano è di fantascienza. Ieri un manipolo di parlamentari del Pd, la loro gazzetta di riferimento – la Repubblica – e qualche professorone di complemento si sono indignati per la richiesta della ministra Grillo di sapere se i luminari che deve nominare nel prossimo Consiglio superiore di…

Continua

L’allarmante telefonata dalla Apple

Abbiate un po’ di pazienza e presto in qualche dibattito tv sentirete il tuttologo di turno che ci spiegherà come anche il crollo in Borsa della Apple è colpa di 5 Stelle e Lega, colpevoli di destabilizzare i mercati e creare incertezza in Europa e nel mondo con le loro spinte populiste e sovraniste. Purtroppo…

Continua

Dopo la carriola spunta il reato di monopattino

Dopo il famigerato reato di carriola contestato al padre di Luigi Di Maio adesso c’è chi invoca una pena per il monopattino. In questa Italia devastata da decenni di giganteschi abusi di potere, per non parlare di quelli edilizi e finanziari, nei giorni scorsi il settimanale Oggi ha fotografato Davide Casaleggio in giro per Milano…

Continua