Il difficile viene adesso. Il voto di ieri è stato un grande esempio. Ma la partecipazione da sola non basta

di Gaetano Pedullà

È nato sull’onda di un vaffa e ieri ha dimostrato di essere rimasto della stessa gustosissima pasta: vaffa a chi è rimasto nel secolo scorso diviso tra clan di destra e sinistra, vaffa a Salvini che ha tradito l’impegno preso col Movimento, vaffa a chi vuole fermare l’impronta riformista dei Cinque Stelle, vaffa ai troll che hanno provato disorientare gli iscritti alla piattaforma Rousseau, vaffa a chi continua a ignorare la forza d’attrazione della democrazia diretta chiudendo gli occhi davanti al mondo che avanza.

Il voto plebiscitario dei 5S a favore del sì a un governo con il Pd segna il passaggio della maturità per una forza politica più saggia di alcune sue prime linee, capace di turarsi il naso pur di realizzare il cambiamento che serve da sempre al Paese: più moralità nella cosa pubblica, meno sprechi e regali alle lobby, una nuova idea di futuro con al centro la persona, la sostenibilità e l’ambiente. Idee alte, che poco hanno a che fare con il cinismo del vecchio sistema, e sulle quali adesso viene il difficile.

Un Presidente del Consiglio misurato come Conte è una prima garanzia, Grillo decisamente in campo e Di Maio alla guida politica, sono determinanti, ma per avere certezza del cambio di passo attendiamo di vedere la squadra proposta dal Pd e i suoi comportamenti concreti. Il voto in massa di ieri è stato un grande esempio di partecipazione, ma questa da sola non basta, se non si continua a controllare e osare.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Che bugia il lazzaretto Italia

Ma veramente pensiamo di mandare a reti tv ed edicole unificate sempre lo stesso messaggio di allarme, di paura e di fine del mondo, e poi meravigliarci se tutti ci trattino come appestati? Certo, l’Italia sta facendo i conti col coronavirus, ma per quel poco che sappiamo di questa epidemia è da escludere che siamo…

Continua

La casta si aggrappa pure al Coronavirus pur di rimandare il referendum del 29 marzo

Per non morire va bene anche il coronavirus. Non bastasse lo sciacallaggio di chi attacca il Governo un minuto prima per aver affrontato troppo duramente l’emergenza e un minuto dopo per non aver fatto abbastanza, adesso sono gli irriducibili della casta ad aggrapparsi all’epidemia. Terrorizzati dal referendum che il 29 marzo taglierà 345 poltrone di…

Continua

Un Paese di allenatori e virologi

La paura è un sentimento che ha del buono, perché ci focalizza su un problema e spesso ci permette di venirne fuori con una forza che neppure sapevamo di possedere. Quando però diventa panico, ci porta a fare gravi errori, e talvolta a pagarli cari. Dunque sta a noi dare il giusto peso alle cose,…

Continua

L’Agcom si è accorta che la tv (e i giornali) hanno fritto il Movimento Cinque Stelle

Non ci voleva l’Agcom per scoprire l’acqua calda. Chiunque accenda anche di rado la tv, da anni vede un tiro al bersaglio a reti unificate contro i Cinque Stelle. Così si è distrutta l’immagine del Movimento, colpevole di aver fatto affidamento solo sui social e sulla rete, sottovalutando che il tamburo quotidiano sul piccolo schermo…

Continua

Autostrade, i Benetton hanno tirato troppo la corda

Si dice che il gioco è bello quando dura poco, mentre invece il giochino delle autostrade affidate ai privati per due soldi è stato bellissimo (per loro) ed è durato decenni. Adesso era ora che questo scandalo al sole finisse, anche perché se non sono sufficienti i 43 morti del ponte Morandi di Genova o…

Continua

La più forte a Roma è la Raggi

Partì per suonarla e tornò suonata. È andata così a la Repubblica, quotidiano non più ostile di tutti gli altri nei confronti della sindaca di Roma, che ieri ha pubblicato un sondaggio sul gradimento della Raggi. Il titolo non lascia spazio a fraintendimenti: “Comunali, il flop di sindaca e M5S. Meno di uno su due…

Continua

La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la…

Continua

Due Mattei col terrore di sparire

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi…

Continua

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Una partita di potere per Renzi

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di…

Continua