La Manovra per quanto virtuosa può fare poco. Ora più che mai servono nuove regole europee

di Gaetano Pedullà

Quello della Manovra non è stato un percorso facile e il lavoro più difficile comincerà dal giorno dopo l’approvazione definitiva, che presumibilmente arriverà alla Camera venerdì prossimo. Il parto è stato difficoltoso non perché la formulazione finale – che oggi leggeremo nel maxiemendamento del Governo – sia stata scritta a Bruxelles, ma perché una volta modificati i saldi finali per evitare la procedura d’infrazione europea è stato necessario riscrivere praticamente tutto il documento.

Il risultato finale non è certo quello che Cinque Stelle e Lega avevano in mente nel primo provvedimento, dove la spesa in deficit si attestava sul 2,4% di un Pil stimato all’1,5%, ma al termine di una contrattazione mai tanto ruvida con la Commissione Ue si è ottenuto il 2% di deficit rispetto a un Pil che è stato ridimensionato all’1%. Dunque partiranno le misure bandiera del Reddito di cittadinanza e delle pensioni a quota cento, ottenendo due obiettivi che fanno di questa legge finanziaria qualcosa di oggettivamente diverso rispetto a quanto abbiamo visto negli ultimi anni, in una logica redistributiva delle risorse a favore delle fasce sociali più deboli e di equità verso chi lavora da molti anni e non può andare in pensione, occupando tra l’altro un impiego che così viene negato alle nuove generazioni. Riusciranno queste misure a farci uscire dalla bassa crescita di questi ultimi anni? Aspettiamo i fatti per giudicare.

Di certo l’atteggiamento distruttivo tenuto dalle opposizioni politiche e da gran parte della stampa nazionale non aiuteranno il Paese. La Manovra, inoltre, paga il prezzo dell’accordo imposto dall’Europa, rinviando ad aprile l’avvio del Reddito di cittadinanza e subendo la minaccia di pesantissime clausole di salvaguardia, che rendono già proibitivo far quadrare i conti della prossima Manovra. Ora, siccome ogni giorno ha la sua pena, per il momento pensiamo a portare a casa l’attuale legge di Bilancio, senza la quale tra pochi giorni saremmo costretti a ricorrere a un penalizzante esercizio provvisorio.

Poi però iniziamo a ragionare su cosa possiamo aspettarci davvero per il futuro. Per quanto possa essere virtuoso, il nostro Stato da solo non può venir fuori da una situazione economica tanto debole e portata al limite di tutti i vincoli imposti dalla Comunità europea. Senza poter usare leve nevralgiche, come quella monetaria, delegata alla Banca centrale di Francoforte, anno dopo anno continueremo a stringerci al collo una corda che inesorabilmente prima o poi ci strozzerà. Le regole, ci viene ricordato prima di tutti dai mercati, sono fatte per essere rispettate e dunque le Finanze pubbliche devono essere risanate attingendo da una crescita ininfluente o dalle tasche degli italiani. Ma le regole possono essere anche cambiate, e in situazioni straordinarie è da stupidi non farlo.

Gli Stati Uniti quando iniziarono a saltare le loro banche, nel 2008, stamparono montagne di dollari e salvarono la loro economia che adesso è florida. In Europa un piano equivalente è stato molto più smilzo e comunque è già finito. La Commissione Ue da parte sua ha concesso un po’ di flessibilità sui conti, ma sempre con il contagocce e al prezzo di trattative estenuanti, clausole di salvaguardia e contropartite, come quella scandalosa dell’accoglienza incondizionata dei migranti. Bene, questo rigore deve terminare, facendo posto a una nuova stagione di politiche keinesiane e di espansione economica con il sostegno pubblico, accordando a tutti i Paesi della Ue di investire massicciamente in nuove infrastrutture, ammodernando un continente che sembra rassegnato a diventare vecchio. Senza queste misure la crescita dello zero virgola in più o in meno non cambierà la sostanza delle cose, consegnandoci a una inevitabile decadenza.

Le tradizionali famiglie politiche europee, così compromesse con i mercati e le lobby di potere sono disponibili a un tale sacrificio? Certo che no e per questo l’unica speranza di andare incontro a un domani migliore è riposto non tanto nella Manovra che andiamo ad approvare in questi giorni o in quelle successive, ma nella possibilità di interloquire con una Commissione Ue di ben diversa mentalità, come potrebbe nascere in caso di vittoria alle prossime elezioni europee delle forze cosiddette populiste e sovraniste.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Marco Polo aveva già capito tutto. L’hanno chiamata la Via della Seta, ma in realtà è una strada per lo sviluppo

Se avesse atteso di fare l’accordo con l’Europa, poi il permesso della Nato, il benestare degli americani e la concessione di Parigi e Berlino, il nostro Marco Polo sarebbe ancora a Venezia in attesa di partire per l’Oriente. Il grande esploratore di un’epoca in cui l’Italia era divisa in tanti stati ma voleva tracciare il…

Continua

Il vaccino contro il malaffare. L’espulsione di De Vito dal M5S ha mostrato una velocità olimpica nell’attivare gli anticorpi

Dopo sei anni dall’ingresso in Parlamento, nei Cinque Stelle è arrivato il primo arresto per corruzione. Un fatto gravissimo per il Movimento, ma anche per chi spergiura a sprezzo del ridicolo che adesso i 5S sono un partito come gli altri. A parte il fatto che è difficile tenere il conto di quanti indagati e…

Continua

In scena i soliti spot sui migranti. E intanto l’Ue ci bastona facendo saltare quattro banche italiane

I migranti salvati da una nave italiana in mezzo al Mediterraneo sono sbarcati ieri a Lampedusa, mentre via social il ministro Matteo Salvini continuava a farsi propaganda. “Arrestateli” ha chiesto il responsabile del Viminale, evidentemente dimenticando che se qualcuno ha commesso reati il suo ruolo gli consente ampiamente di disporne il fermo. Ovviamente per far…

Continua

Salvini e la bulimia elettorale. In caso di pericolo non c’è ragione che possa giustificare l’omissione di soccorso in mare

Finché si scherza, anche nel Governo, buon divertimento a chi ha voglia di giocare. Miliardi di qua per una impossibile estensione della Flat tax, allarmi di la su un accordo strepitoso con la Cina… nell’epoca della politica raccontata con i selfie tutto fa spettacolo. Nulla da meravigliarsi, quindi, delle sortite da perenne campagna elettorale del…

Continua

Una Sinistra nemica dei poveri. Il Pd quando era al Governo non mosse un dito, ora propone un salario minimo più alto rispetto al M5S

Le pensioni di cittadinanza erogate anche in contanti, per non complicare oltre la vita di quegli anziani che hanno difficoltà a utilizzare le card. C’è anche questo negli ultimi emendamenti presentati ieri al cosiddetto decretone, cioè la norma che dovrà tenere in equilibrio da una parte l’obiettivo finale di aiutare sul serio i poveri con…

Continua

L’equivoco delle élite al potere. Si ostinano a guardare il futuro con gli occhiali del passato

Illuminante intervento del consigliere direttivo della Banca centrale europea, Benoît Cœuré, ieri all’Università Bocconi. La stagnazione e il calo dei redditi – ha spiegato – sono il risultato di molti fattori, niente affatto collegati con l’appartenenza all’Unione europea o all’euro. Se però le forze sovraniste ed euroscettiche dovessero crescere – ha continuato – questo finirebbe…

Continua

Finiamola di fare male all’Italia. Il Reddito di cittadinanza è partito senza intoppi e nessuno ha assaltato gli uffici postali

Un’altra profezia di sventura che si affloscia come un soufflé. Chi aveva previsto l’assalto di milioni di sfaccendati agli uffici postali per accaparrarsi sin dal primo giorno il Reddito di cittadinanza ha sbagliato tutto. Esattamente come sbagliava chi giurava che questa misura non sarebbe mai partita, che non c’erano i soldi, che lo Stato non…

Continua

Le nozze impossibili tra M5S e Pd. I nostri lettori hanno le idee chiare: meglio una vita all’opposizione che un minuto con i dem

L’abbiamo fatto una volta e non lo faremo più. Visto che si parla tanto di nuovi scenari per la politica italiana, con il Pd derenzizzato possibile nuovo interlocutore forte dei 5 Stelle, ieri ci è sembrato utile sentire cosa ne pensano i nostri lettori, e tra questi in particolare gli elettori e i simpatizzanti del…

Continua

Tentazione dem, ma chi cambia la vecchia strada… C’è chi spinge i Cinque Stelle a cambiare cavallo. Ma poi chi lo spiega agli elettori?

In politica i numeri contano, ma non bastano a tutto. Ieri, digerita la larga vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Pd, prima Roberto Fico e poi Luigi Di Maio hanno inviato segnali di fumo al neo segretario. Mentre le congratulazioni spedite dal primo sono state subito lette come la disponibilità a riaprire un dialogo…

Continua

Operazione Diffama i Cinque Stelle. Ecco come li stanno linciando

La grande operazione “Diffama i Cinque Stelle” va avanti da anni, ma dopo il voto in Abruzzo e Sardegna è scattata l’offensiva, con una raffica di storielle amplificate all’infinito e – vedi la coincidenza – finite tutte in prima pagina sui soliti giornaloni, come se i guai del Paese non offrissero ampia scelta tra i…

Continua