La strada necessaria delle riforme

di Gaetano Pedullà

La strada delle riforme è difficile e politicamente rischiosa, perché cancella privilegi e rendite di posizione. Tradotto: può far perdere consenso. Ma se vogliamo far ripartire questo Paese non abbiamo altra possibilità che riformarlo profondamente e farlo in fretta. Per questo non possiamo più permetterci politici attenti solo ai sondaggi e agli indici di gradimento, ma ci vogliono statisti. E insieme, una rivoluzione culturale che non può essere delegata a chi sta al governo, ma deve entrare davvero nel carrello dei desideri di tutti noi. Dopo un anno di Renzi a Palazzo Chigi possiamo dirci soddisfatti delle riforme che abbiamo visto? Non sono poche e se guardiamo particolarmente agli ultimi anni sono anzi moltissime. Ma la qualità può accontentare giusto chi non ha ambizione e capacità di sognare un’Italia che torni a viaggiare alla velocità di cui può essere capace. La velocità che ha fatto diventare grande il Made in Italy nel mondo e che fino agli anni sessanta ha spinto il nostro boom economico. Uscivamo dalla devastazione di una guerra e c’era tutto da ricostruire, è vero, ma oggi non abbiamo altrettanto da fare in questo Paese che cade a pezzi? Non c’è da realizzare immense reti, da quelle immateriali della telefonia in fibra a quelle più tradizionali di autostrade e ferrovie? O possiamo essere soddisfatti di treni che al Sud vanno ancora a carbone e di intere regioni, come la Sicilia, con i collegamenti garantiti da un’unica strada? Facile poi indignarsi se questa strada viene pure chiusa per un crollo, ma lo scandalo è quello messo più plasticamente sotto i nostri occhi: un Paese industriale di strade deve averne in quantità, esattamente come i porti, gli aeroporti, i centri logistici. E non finisce qui. Le nostre città sono vecchie e in troppe parti brutte da morire, zeppe di immobili a scarsa efficienza energetica, con strade pericolose. A parte i centri storici giustamente tutelati, servirebbe una immensa rottamazione di questi obbrobri, indegni di un Paese che vuol vivere di turismo. Grandi progetti che avrebbero bisogno di montagne di soldi e decenni di lavori, ma se non si inizia mai a parlarne tutto questo resta illusione e il lavoro – il vero dramma di questi anni – una chimera. Perché il Jobs Act, gli 80 euro e le aggiustatine qua e là con cacciavite alla Letta sono meglio di niente, ma qui ormai l’ordinaria manutenzione serve a poco. In questo contesto l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ci dice che è stato un errore abbandonare l’ultimo sistema elettorale, quel Mattarellum che secondo Re Giorgio ha funzionato benissimo. Contento lui! Evidentemente il disastro economico, morale, intellettuale è un prezzo del destino e non di una classe politica inadeguata, quando non corrotta. È stata questa politica, debole e impreparata, a cedere moltissimo del suo potere alla burocrazia, ai boiardi e ai grandi manager di Stato, creando un vuoto immenso di responsabilità nel Paese. Qui nessuno risponde di niente. A Genova la polizia ha torturato i manifestanti? Il capo della polizia non c’entra niente. In Sicilia e Sardegna crollano le strade dell’Anas? I vertici restano gli stessi per decenni. E per fortuna che almeno ieri Ciucci ha sentito il bisogno di rimettere al ministro il suo mandato. Da un leader come Renzi, che deve il suo successo politico a parole d’ordine come rottamazione, qui però ci si aspettano segni di grande cambiamento. Segni che non vediamo. Possibile che tutto quello che c’era da rottamare sia già finito?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’inutile guerra a Bettino

Un Paese che guarda avanti utilizzando gli occhiali del passato. E per questo sbatte regolarmente la testa al muro. Non bastassero i problemi che abbiamo, se per un giorno non c’è motivo di polemizzare e di dividerci, ecco che lo costruiamo in quattro e quattr’otto, a costo di spostarci con la memoria alla tangentopoli di…

Continua

Il fantastico Centro per l’impiego

In Italia un centro per l’impiego come quello che aprono oggi i Cinque Stelle non si era visto mai. I posti in palio sono decine e la paga non è male. Nessuna paura se non si dispone di un gran curriculum: basterà che votino un po’ di buoni amici e il gioco è fatto, si…

Continua

De Benedetti, l’autogol delle toghe

Se l’Italia è il Paese dei furbi che conosciamo parte della colpa è di una Giustizia che si fa fatica a comprendere, oltre che sentire giusta. E come credere davvero che la Legge sia uguale per tutti quando sentiamo da una parte il pm Di Matteo risalire agli Assiri e ai Babilonesi pur di incastrare…

Continua

Fake news e altre promesse

Una tassa che viene (sul serio) e una tassa che va (a chiacchiere). Il Pd di Matteo Renzi, convinto sostenitore della nuova imposta sulle buste dell’ortofrutta, si scorda di aver governato negli ultimi cinque anni, e a due mesi dalle elezioni promette l’abolizione del canone Rai. Perché non l’abbia fatto prima è un mistero, mentre…

Continua

La fortuna dei manager perplessi

La tassa sui sacchetti dell’ortofrutta non smette di stupire, non solo per l’approssimazione con cui si è fatta la norma, perfetta per fare incassare i produttori, molto meno per ridurre l’inquinamento. Renzi e il Pd hanno difeso a spada tratta l’iniziativa, senza spiegare però – se è così nobile – per quale motivo l’hanno infilata…

Continua

I voti del Pd gettati via a sacchetti

Matteo Renzi non ci sta a prendersi le maledizioni dei consumatori, centuplicate dai social network, per la norma che fa pagare le bustine dell’ortofrutta. L’esborso ha una nobile motivazione di politica ambientale – rivendica l’ex premier – ed è una fake news che il Parlamento abbia favorito una specifica azienda, facendo riferimento alla Novamont guidata…

Continua

Sui rifiuti chiacchiere e illusioni

Un dialogo tra sordi, dove l’unica cosa che si sente è la puzza di una politica rissosa e inconcludente. Un deputato Cinque Stelle emiliano, tale Michele Dell’Orco, attacca la sua Regione perché “inventa” l’emergenza rifiuti a Roma. Le 15mila tonnellate di spazzatura che la sindaca Raggi ha chiesto di smaltire eventualmente a Bologna sono quanto…

Continua

Agli statali non bastava un regalo

Se si fa un regalo elettorale bisogna farlo bene. E dunque dopo aver aperto il cordone della borsa per dare un aumento di stipendio agli statali, adesso si sta correndo per mettere in busta paga gli arretrati. Soldi da fare arrivare ovviamente un attimo prima del 4 marzo, guarda caso la data delle elezioni. Dopo…

Continua

Cinque anni al minimo sindacale

Il Presidente del Consiglio Gentiloni l’ha detta giusta: il suo Governo ha garantito una fine ordinata della legislatura. Per un esecutivo fotocopia di quello precedente, tirato fuori dal cilindro di Napolitano anziché dalle urne, il risultato minimo è comunque un risultato. Il Paese meritava di più, meritava di meglio? Certo che sì, soprattutto perché le…

Continua

Impariamo la lezione catalana

Hanno poco da festeggiare gli indipendentisti riusciti a conservare la maggioranza in Catalogna. Lo strappo con Madrid ha gettato le basi per un arretramento della regione, non solo sotto l’aspetto economico. Se il tentativo di scissione finito con la fuga del leader Puigdemont ha fatto scappare anche molti investitori, banche e imprese, le elezioni di…

Continua