La strada necessaria delle riforme

di Gaetano Pedullà

La strada delle riforme è difficile e politicamente rischiosa, perché cancella privilegi e rendite di posizione. Tradotto: può far perdere consenso. Ma se vogliamo far ripartire questo Paese non abbiamo altra possibilità che riformarlo profondamente e farlo in fretta. Per questo non possiamo più permetterci politici attenti solo ai sondaggi e agli indici di gradimento, ma ci vogliono statisti. E insieme, una rivoluzione culturale che non può essere delegata a chi sta al governo, ma deve entrare davvero nel carrello dei desideri di tutti noi. Dopo un anno di Renzi a Palazzo Chigi possiamo dirci soddisfatti delle riforme che abbiamo visto? Non sono poche e se guardiamo particolarmente agli ultimi anni sono anzi moltissime. Ma la qualità può accontentare giusto chi non ha ambizione e capacità di sognare un’Italia che torni a viaggiare alla velocità di cui può essere capace. La velocità che ha fatto diventare grande il Made in Italy nel mondo e che fino agli anni sessanta ha spinto il nostro boom economico. Uscivamo dalla devastazione di una guerra e c’era tutto da ricostruire, è vero, ma oggi non abbiamo altrettanto da fare in questo Paese che cade a pezzi? Non c’è da realizzare immense reti, da quelle immateriali della telefonia in fibra a quelle più tradizionali di autostrade e ferrovie? O possiamo essere soddisfatti di treni che al Sud vanno ancora a carbone e di intere regioni, come la Sicilia, con i collegamenti garantiti da un’unica strada? Facile poi indignarsi se questa strada viene pure chiusa per un crollo, ma lo scandalo è quello messo più plasticamente sotto i nostri occhi: un Paese industriale di strade deve averne in quantità, esattamente come i porti, gli aeroporti, i centri logistici. E non finisce qui. Le nostre città sono vecchie e in troppe parti brutte da morire, zeppe di immobili a scarsa efficienza energetica, con strade pericolose. A parte i centri storici giustamente tutelati, servirebbe una immensa rottamazione di questi obbrobri, indegni di un Paese che vuol vivere di turismo. Grandi progetti che avrebbero bisogno di montagne di soldi e decenni di lavori, ma se non si inizia mai a parlarne tutto questo resta illusione e il lavoro – il vero dramma di questi anni – una chimera. Perché il Jobs Act, gli 80 euro e le aggiustatine qua e là con cacciavite alla Letta sono meglio di niente, ma qui ormai l’ordinaria manutenzione serve a poco. In questo contesto l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ci dice che è stato un errore abbandonare l’ultimo sistema elettorale, quel Mattarellum che secondo Re Giorgio ha funzionato benissimo. Contento lui! Evidentemente il disastro economico, morale, intellettuale è un prezzo del destino e non di una classe politica inadeguata, quando non corrotta. È stata questa politica, debole e impreparata, a cedere moltissimo del suo potere alla burocrazia, ai boiardi e ai grandi manager di Stato, creando un vuoto immenso di responsabilità nel Paese. Qui nessuno risponde di niente. A Genova la polizia ha torturato i manifestanti? Il capo della polizia non c’entra niente. In Sicilia e Sardegna crollano le strade dell’Anas? I vertici restano gli stessi per decenni. E per fortuna che almeno ieri Ciucci ha sentito il bisogno di rimettere al ministro il suo mandato. Da un leader come Renzi, che deve il suo successo politico a parole d’ordine come rottamazione, qui però ci si aspettano segni di grande cambiamento. Segni che non vediamo. Possibile che tutto quello che c’era da rottamare sia già finito?

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua