La strada necessaria delle riforme

di Gaetano Pedullà

La strada delle riforme è difficile e politicamente rischiosa, perché cancella privilegi e rendite di posizione. Tradotto: può far perdere consenso. Ma se vogliamo far ripartire questo Paese non abbiamo altra possibilità che riformarlo profondamente e farlo in fretta. Per questo non possiamo più permetterci politici attenti solo ai sondaggi e agli indici di gradimento, ma ci vogliono statisti. E insieme, una rivoluzione culturale che non può essere delegata a chi sta al governo, ma deve entrare davvero nel carrello dei desideri di tutti noi. Dopo un anno di Renzi a Palazzo Chigi possiamo dirci soddisfatti delle riforme che abbiamo visto? Non sono poche e se guardiamo particolarmente agli ultimi anni sono anzi moltissime. Ma la qualità può accontentare giusto chi non ha ambizione e capacità di sognare un’Italia che torni a viaggiare alla velocità di cui può essere capace. La velocità che ha fatto diventare grande il Made in Italy nel mondo e che fino agli anni sessanta ha spinto il nostro boom economico. Uscivamo dalla devastazione di una guerra e c’era tutto da ricostruire, è vero, ma oggi non abbiamo altrettanto da fare in questo Paese che cade a pezzi? Non c’è da realizzare immense reti, da quelle immateriali della telefonia in fibra a quelle più tradizionali di autostrade e ferrovie? O possiamo essere soddisfatti di treni che al Sud vanno ancora a carbone e di intere regioni, come la Sicilia, con i collegamenti garantiti da un’unica strada? Facile poi indignarsi se questa strada viene pure chiusa per un crollo, ma lo scandalo è quello messo più plasticamente sotto i nostri occhi: un Paese industriale di strade deve averne in quantità, esattamente come i porti, gli aeroporti, i centri logistici. E non finisce qui. Le nostre città sono vecchie e in troppe parti brutte da morire, zeppe di immobili a scarsa efficienza energetica, con strade pericolose. A parte i centri storici giustamente tutelati, servirebbe una immensa rottamazione di questi obbrobri, indegni di un Paese che vuol vivere di turismo. Grandi progetti che avrebbero bisogno di montagne di soldi e decenni di lavori, ma se non si inizia mai a parlarne tutto questo resta illusione e il lavoro – il vero dramma di questi anni – una chimera. Perché il Jobs Act, gli 80 euro e le aggiustatine qua e là con cacciavite alla Letta sono meglio di niente, ma qui ormai l’ordinaria manutenzione serve a poco. In questo contesto l’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ci dice che è stato un errore abbandonare l’ultimo sistema elettorale, quel Mattarellum che secondo Re Giorgio ha funzionato benissimo. Contento lui! Evidentemente il disastro economico, morale, intellettuale è un prezzo del destino e non di una classe politica inadeguata, quando non corrotta. È stata questa politica, debole e impreparata, a cedere moltissimo del suo potere alla burocrazia, ai boiardi e ai grandi manager di Stato, creando un vuoto immenso di responsabilità nel Paese. Qui nessuno risponde di niente. A Genova la polizia ha torturato i manifestanti? Il capo della polizia non c’entra niente. In Sicilia e Sardegna crollano le strade dell’Anas? I vertici restano gli stessi per decenni. E per fortuna che almeno ieri Ciucci ha sentito il bisogno di rimettere al ministro il suo mandato. Da un leader come Renzi, che deve il suo successo politico a parole d’ordine come rottamazione, qui però ci si aspettano segni di grande cambiamento. Segni che non vediamo. Possibile che tutto quello che c’era da rottamare sia già finito?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’Europa e i conti senza cuore

Va bene: come ci hanno abbondantemente illustrato diversi giornali, il paragone tra i conti di Italia e Francia non regge, e dunque è giusto che Roma messa molto peggio di Parigi strozzi le famiglie e quel poco di economia che resiste, mentre Macron potrà fare il doppio del nostro deficit per non farsi cacciare dall’Eliseo…

Continua

Non basta la resa di Macron

La capitolazione di Emmanuel Macron è completa, eppure del tutto insufficiente come fino a oggi ha dimostrato di essere il presidente francese. Rispondere ai gilet gialli ammettendo che nel Paese c’è un disagio profondo, e di conseguenza aumentando i salari di cento euro, non solo non servirà a niente ma è molto probabile che sarà…

Continua

Ecotassa sulla povertà. Il bonus sulle berline elettriche? Non può pagarlo chi ha l’utilitaria

Chi non vuole un mondo più pulito, dove l’energia non inquina e il progresso non è nemico della salute? Impegnarci per raggiungere questo scopo non è una prerogativa dei nostri non numerosi ambientalisti, ma di tutti noi attraverso azioni coerenti e virtuose. Dalla raccolta differenziata dei rifiuti all’utilizzo responsabile dell’acqua e del riscaldamento, non siamo…

Continua

Cambiare nella Sanità per curarla

Il professore Silvio Garattini, uno scienziato straordinario, ieri ha fatto una scoperta. Nei soli quindici anni passati nel Consiglio Superiore di Sanità – ci ha informato – non era mai successo che il ministro competente ne cambiasse tutti insieme i componenti. Insomma, chi entrava in questo prestigioso organismo, per quanto puramente consultivo, ci restava per…

Continua

Fango su Di Maio, una verità a sprezzo del ridicolo

Avevamo un delinquente seriale sotto al naso e ce lo stavamo facendo scappare. Il papà di Luigi Di Maio, e per osmosi ovviamente il figlio, sono i responsabili della piaga del lavoro nero al Sud e mentre ci siamo anche alle altre latitudini. Ma non è finita qui: il figlio ha un conflitto d’interessi che…

Continua

Il Governo durerà. Ecco perché

Alzi la mano chi è sfuggito in questi giorni ad almeno una discussione sulla tenuta traballante del Governo. I più accorti assicurano che lo show down arriverà alle europee, ma non mancano gli spericolati pronti a scommettere che a Palazzo Chigi la Troika fa sbaraccare prima, grazie alla miracolosa comparsa di moltitudini di parlamentari responsabili.…

Continua

Bruxelles ci ha tirato un osso

Il Governo ha promesso che non si attaccherà a qualche decimale in più di deficit, aprendo al diktat di Bruxelles sui conti, e il mercato ci ha tirato subito un osso, facendo riscendere un po’ lo spread, mentre gli investitori si ricoprivano in Borsa, soprattutto sui titoli bancari, riportando per qualche ora l’euforia a Piazza…

Continua

Sui giornali fantasia senza confini

Chi non legge i giornali non può immaginare i film di fantascienza che si perde ogni mattina. Ieri, per esempio, non c’era un solo quotidiano che non raccontasse di imminenti fratture nel Governo, con Di Maio e Salvini che addirittura non si parlano più personalmente, delegando le comunicazioni alle segretarie. I Cinque Stelle processavano Giorgetti…

Continua

Ritorsione politica da Bruxelles

Una Commissione europea arrivata a fine corsa e con il fiato dei movimenti sovranisti sul collo ha fatto il più classico degli errori. La bocciatura della nostra Manovra per il 2019 è infatti la tipica azione inconsulta di chi è in preda al panico, e per colpire un avversario che fa paura finisce per spararsi…

Continua

I leader si vedono adesso

La maggioranza che va sotto alla Camera, dove 5 Stelle e Lega hanno un margine larghissimo sulle opposizioni, è il segnale peggiore che l’Italia possa dare mentre l’Europa si prepara a infilzarci, bocciando la Manovra economica. I giochetti di un manipolo di parlamentari senza la statura necessaria per una battaglia epocale tra spread e democrazia…

Continua