Prepariamo le urne? Non è detto

di Gaetano Pedullà

Fiducia al suo governo o si va al voto dopo agosto, promette Cottarelli. Ma siamo sicuri che le cose stanno così? Facciamo un passo indietro. Rifiutandosi di nominare ministro il prof. euroscettico Paolo Savona, il Presidente della Repubblica ha preso sulle sue spalle tutto il peso di una decisione indigeribile agli elettori di M5S e Lega. Tanto che da domenica sui social network è in atto un linciaggio mai visto contro il Quirinale, l’istituzione che aveva conservato finora un altissimo livello di autorevolezza e affidabilità. Pur non essendocene i presupposti, Di Maio e la Meloni (ma non Salvini) cavalcano l’onda arrivando a chiederne l’impeachment, prefabbricandosi così un facile argomento da campagna elettorale. Mattarella però ha solo esercitato le sue prerogative, inviando un segnale ai mercati che da settimane lavorano per affondare un nuovo colpo sul nostro Paese, facendoci pagare molti miliardi in più di interessi sul debito italiano grazie al solito giochino dello spread. Chi leggendo adesso scuote le spalle, perché in vita sua non si è mai trovato a quattrocchi con uno spread e dunque non ne ha paura, spieghiamo che si tratta di un meccanismo che sta facendo già aumentare le rate dei mutui e irrigidendo il sistema finanziario, ma soprattutto farà costare molto di più il rifinanziamento del debito pubblico, senza il quale si fermano scuole e ospedali, pensioni e servizi. Si sfascia lo Stato insomma. È il prezzo della democrazia (il diritto di M5S e Lega di avere Savona ministro), dicono tanti con grande faciloneria. L’osservazione però ci obbliga a una domanda: siamo davvero un Paese senza più sovranità? Per questo giornale che lo scrive da anni, la risposta è sin troppo facile. Se si ha un debito di 2.300 miliardi la sovranità è un lusso che ci possiamo scordare, anche se ci è stata usata la cortesia di non strombazzarlo troppo in giro, ad eccezione di due righette aggiunte alla nostra Carta costituzionale in cui ci si obbliga al pareggio di bilancio. Ma torniamo al voto a settembre o giù di li, magari utilizzando le cabine dei lidi balneari al posto di quelle da montare nelle scuole ancora chiuse per le vacanze estive.

Una volta che Cottarelli avrà presentato incassato l’inevitabile bocciatura del Parlamento, secondo la vulgata oggi di moda Mattarella scioglierà le Camere. Una tale decisione, che nel suo breve discorso di domenica scorsa il Capo dello Stato si è espressamente riservato di prendere, presuppone però una condizione questa sì incompatibile con il mandato costituzionale. Il Colle infatti dovrebbe mandare a casa deputati e senatori in presenza di una maggioranza conclamata, cioè quella alleanza tra M5S e Lega che avrebbe sorretto il governo di Giuseppe Conte, seppure con Savona al suo interno. Può il Presidente prendersi una tale responsabilità e così sottoporre l’istituzione che rappresenta a una macchia destinata a restare per sempre? È probabile dunque che Mattarella prima di decretare la fine anticipatissima della legislatura provi a buttare la palla avvelenata nel campo da cui gli è stata tirata addosso, addentrandosi in un terreno che in 86 giorni di crisi è rimasto inesplorato, affidando cioè un incarico di formare il governo al leader della colazione o della lista più votata, cioè Salvini e Di Maio. A questo punto i due potrebbero non mettersi d’accordo, continuando con la sceneggiata di Savona come unico ministro del Tesoro possibile, assumendosi però in questo modo la responsabilità del flop con la loro faccia (e non quella di Conte o di Mattarella). Oppure potrebbero rifarsi i conti, cominciando dai loro parlamentari che non hanno nessuna voglia di segare l’albero sul quale si sono appena seduti. Per non parlare dei casi specifici di Salvini e Di Maio. Il primo sa bene di aver perso la sua chance e non è scritto da nessuna parte che ne possa avere un’altra, specie se dovesse candidarsi Di Battista, espressione dell’ala più movimentista dei Cinque Stelle. Il segretario del Carroccio, invece, pur avendo in corso un’Opa (cioè una sostanziale offerta d’acquisto) su tutto il Centrodestra, non ha avuto il tempo per completarla e per questo rischia di perdere le alleanze con cui governa molte Regioni e Comuni insieme a Forza Italia. Un prezzo anche ragionevole di fronte a scenari che per il momento sono solo suggestivi, come un’alleanza elettorale tra M5S e Lega, che unica le forze populiste e consegni loro le chiavi del Paese. Un disegno più facile a dirsi che a farsi. Non diamo quindi nulla di scontato, se non il fatto che una campagna elettorale ravvicinata e giocata con le premesse che stiamo vedendo, dove non si salva neppure il Quirinale, sarà talmente fetida e distruttiva da non lasciare in piedi niente. Non certo una bella e utile vittoria, chiunque sia a spuntarla.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Olimpiadi, rischiamo la solita mangiatoia

Milano e Cortina si sono aggiudicati i Giochi del 2026, adesso vediamo se la nuova specialità olimpica diventerà il salto del Trojan. Nel progetto ufficiale è già messo in conto tanto di quel cemento da non lasciare dubbi sulla festa che hanno fatto ieri affaristi e faccendieri. Altro che il Carro di Carnevale della delegazione…

Continua

Sui migranti è tempo della fase 2

Una nave madre zeppa di migranti che scarica poco per volta il suo carico sui barchini diretti in porto a Lampedusa. La già corposa antologia delle furbate escogitate dai trafficanti di uomini si arricchisce di un nuovo capitolo, confermandoci che voler fermare da soli l’invasione è come pretendere di togliere l’acqua del mare con un…

Continua

Si sgonfiano i successi della Lega

Vatti a fidare dell’amico americano! Neanche il tempo di disfare la valigia con cui è tornato dagli States, che ecco arrivare a Matteo Salvini il ringraziamento di Trump: l’Italia è declassata nella lista dei Paesi che contrastano il traffico di esseri umani. Ma come: la grande battaglia della Lega vista dalla Casa Bianca è solo…

Continua

La musica stonata dell’Ocse

Non ne indovina una neanche per sbaglio, se dice qualcosa sull’Italia è solo per annunciare sventure, e non si ricorda la benché minima autocritica sull’austerità economica che ci canta su spartito del Fondo monetario e con la partecipazione di tutto il coro del rigore. Parliamo dell’Ocse, un’organizzazione con sede a Parigi e dalle cui fila…

Continua

I garantisti ostaggio dei complici

Adesso si aspetta pure le scuse Luca Lotti, il fedelissimo renziano che accusa persino il suo partito e quanti altri si illudevano sull’autonomia della magistratura. Registrato mentre confabulava con alcuni consiglieri del Csm per stabilire quali procuratori promuovere e quali trasferire, compreso quello destinato a Roma, determinante nel processo Consip in cui è imputato, Lotti…

Continua

Una cura per politica e toghe

Non facciamo le verginelle. Chi legge un giornale come La Notizia lo fa per essere informato senza quelle censure che la stampa mainstream si infligge da sola, senza dare a chi di dovere neppure il fastidio di nascondere la polvere sotto al tappeto. Dunque diciamolo chiaro: quello che sta emergendo sul Csm è uno di…

Continua

Alitalia fa autorete con Lotito

Se ha fatto bene alla Lazio, farà bene all’Alitalia, è la profezia dell’ex campione biancoceleste Luigi Martini, passato dallo scudetto del 1974 alla presidenza – anni dopo – dell’Enav, la società che gestisce il traffico aereo. Facili entusiasmi a parte, l’annuncio di un’offerta da parte di Claudio Lotito per rilevare l’Alitalia ha sparigliato la trattativa…

Continua

La partita di Conte sarà lunga

Il via libera degli euroburocrati alla procedura d’infrazione contro l’Italia per eccesso di debito è solo l’ultimo tecnicismo di un atto invece tutto politico, che può costarci molto e che il premier Conte adesso ha ampio mandato per trattare. Superate le asprezze della campagna elettorale, i leader di M5S e Lega hanno ritrovato il collante…

Continua

Attenzione ai veri barbari

L’hanno chiamata norma “Salva-Roma”, come se una città sopravvissuta per 2.700 anni a ogni flagello di Dio possa soccombere proprio adesso che a governarla ci stanno quei “barbari” dei 5 Stelle. Messo da parte lo slogan ad effetto, il sostegno finanziario approvato ieri in Parlamento darà una mano alla Capitale e a chi la frequenta,…

Continua

La fuga di Mediaset in Olanda pagata dagli italiani

L’operazione è giustificata da un riassetto societario delle tv in Italia e Spagna, ma il trasloco di Berlusconi in una nuova holding olandese svela almeno tre problemi rilevanti per il nostro Paese. Il primo è che il guaio della nostra economia non sono le delocalizzazioni nei mercati extracomunitari o negli Stati Ue di frontiera, dove…

Continua