Prepariamo le urne? Non è detto

di Gaetano Pedullà

Fiducia al suo governo o si va al voto dopo agosto, promette Cottarelli. Ma siamo sicuri che le cose stanno così? Facciamo un passo indietro. Rifiutandosi di nominare ministro il prof. euroscettico Paolo Savona, il Presidente della Repubblica ha preso sulle sue spalle tutto il peso di una decisione indigeribile agli elettori di M5S e Lega. Tanto che da domenica sui social network è in atto un linciaggio mai visto contro il Quirinale, l’istituzione che aveva conservato finora un altissimo livello di autorevolezza e affidabilità. Pur non essendocene i presupposti, Di Maio e la Meloni (ma non Salvini) cavalcano l’onda arrivando a chiederne l’impeachment, prefabbricandosi così un facile argomento da campagna elettorale. Mattarella però ha solo esercitato le sue prerogative, inviando un segnale ai mercati che da settimane lavorano per affondare un nuovo colpo sul nostro Paese, facendoci pagare molti miliardi in più di interessi sul debito italiano grazie al solito giochino dello spread. Chi leggendo adesso scuote le spalle, perché in vita sua non si è mai trovato a quattrocchi con uno spread e dunque non ne ha paura, spieghiamo che si tratta di un meccanismo che sta facendo già aumentare le rate dei mutui e irrigidendo il sistema finanziario, ma soprattutto farà costare molto di più il rifinanziamento del debito pubblico, senza il quale si fermano scuole e ospedali, pensioni e servizi. Si sfascia lo Stato insomma. È il prezzo della democrazia (il diritto di M5S e Lega di avere Savona ministro), dicono tanti con grande faciloneria. L’osservazione però ci obbliga a una domanda: siamo davvero un Paese senza più sovranità? Per questo giornale che lo scrive da anni, la risposta è sin troppo facile. Se si ha un debito di 2.300 miliardi la sovranità è un lusso che ci possiamo scordare, anche se ci è stata usata la cortesia di non strombazzarlo troppo in giro, ad eccezione di due righette aggiunte alla nostra Carta costituzionale in cui ci si obbliga al pareggio di bilancio. Ma torniamo al voto a settembre o giù di li, magari utilizzando le cabine dei lidi balneari al posto di quelle da montare nelle scuole ancora chiuse per le vacanze estive.

Una volta che Cottarelli avrà presentato incassato l’inevitabile bocciatura del Parlamento, secondo la vulgata oggi di moda Mattarella scioglierà le Camere. Una tale decisione, che nel suo breve discorso di domenica scorsa il Capo dello Stato si è espressamente riservato di prendere, presuppone però una condizione questa sì incompatibile con il mandato costituzionale. Il Colle infatti dovrebbe mandare a casa deputati e senatori in presenza di una maggioranza conclamata, cioè quella alleanza tra M5S e Lega che avrebbe sorretto il governo di Giuseppe Conte, seppure con Savona al suo interno. Può il Presidente prendersi una tale responsabilità e così sottoporre l’istituzione che rappresenta a una macchia destinata a restare per sempre? È probabile dunque che Mattarella prima di decretare la fine anticipatissima della legislatura provi a buttare la palla avvelenata nel campo da cui gli è stata tirata addosso, addentrandosi in un terreno che in 86 giorni di crisi è rimasto inesplorato, affidando cioè un incarico di formare il governo al leader della colazione o della lista più votata, cioè Salvini e Di Maio. A questo punto i due potrebbero non mettersi d’accordo, continuando con la sceneggiata di Savona come unico ministro del Tesoro possibile, assumendosi però in questo modo la responsabilità del flop con la loro faccia (e non quella di Conte o di Mattarella). Oppure potrebbero rifarsi i conti, cominciando dai loro parlamentari che non hanno nessuna voglia di segare l’albero sul quale si sono appena seduti. Per non parlare dei casi specifici di Salvini e Di Maio. Il primo sa bene di aver perso la sua chance e non è scritto da nessuna parte che ne possa avere un’altra, specie se dovesse candidarsi Di Battista, espressione dell’ala più movimentista dei Cinque Stelle. Il segretario del Carroccio, invece, pur avendo in corso un’Opa (cioè una sostanziale offerta d’acquisto) su tutto il Centrodestra, non ha avuto il tempo per completarla e per questo rischia di perdere le alleanze con cui governa molte Regioni e Comuni insieme a Forza Italia. Un prezzo anche ragionevole di fronte a scenari che per il momento sono solo suggestivi, come un’alleanza elettorale tra M5S e Lega, che unica le forze populiste e consegni loro le chiavi del Paese. Un disegno più facile a dirsi che a farsi. Non diamo quindi nulla di scontato, se non il fatto che una campagna elettorale ravvicinata e giocata con le premesse che stiamo vedendo, dove non si salva neppure il Quirinale, sarà talmente fetida e distruttiva da non lasciare in piedi niente. Non certo una bella e utile vittoria, chiunque sia a spuntarla.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

L’ipocrisia della libera stampa

Non lo facciamo spesso, ma il trambusto di questi giorni su una certa faziosità dei giornalisti ci obbliga a parlare anche di noi, perché La Notizia è uno dei non molti quotidiani nazionali nati in questi anni di grande crisi della stampa e soprattutto di proprietà di un editore puro. I padroni delle pagine che…

Continua

Se si torna al rigore perdiamo noi

Una bugia detta anche mille volte non diventa una verità, ma raccontandoci ogni giorno che la Manovra del Governo non funziona, il Pil cala, la fiducia scende, il Paese declina e tutte queste belle amenità, alla fine il clima diventa negativo per forza. D’altra parte a noi italiani piace farci male da soli. Contrapposti da…

Continua

I miracoli che la Chiesa non vede

Il Governo italiano compie un autentico miracolo: riesce a far sedere allo stesso tavolo a Palermo i protagonisti della guerra civile in Libia, offrendo una speranza per stabilizzare una regione dove c’è ancora l’Isis, e qual era ieri lo sport preferito di quasi tutti i giornali online nazionali? Ma ovviamente dare addosso a Conte e…

Continua

E’ il rigore la vera epidemia

La Commissione europea non fa in tempo a bocciare le stime italiane sulla crescita che subito arriva il Fondo monetario internazionale a definirci pericolosi untori della sana e robusta economia di tutto il continente. Strano che alla danza funebre non si sia subito unita anche la Banca centrale di Mario Draghi, ma siamo fiduciosi che…

Continua

La bufala del contratto a pezzi

Lo storytelling di maggior successo su tv e giornali di queste settimane si è rivelato una bufala. Non che non sia vera la distanza tra Cinque Stelle e Lega su provvedimenti rilevanti, come la riforma della prescrizione, ma da qui ai duelli da cavalleria rusticana tra Di Maio e Salvini ce ne corre. I retroscena…

Continua

Sì allo shock no alle sciocchezze

Cinque Stelle e Lega se la stanno vedendo brutta, Salvini si è visto la partita e gli italiani rischiano di vedere sorci verdi. Diciamolo subito: il Governo gialloverde non cadrà per la riforma della prescrizione o per la ritorsione sul decreto sicurezza, ma di sicuro la maggioranza non sta facendo affatto una bella figura, prestando…

Continua

Le banche sono salve. Ora si pensi ai cittadini

La cura da cavallo ha ammazzato l’economia ma ha salvato la bestia. Il certificato medico rilasciato ieri pomeriggio dall’Eba, l’autority europea sul sistema del credito, attesta che le grandi banche del continente sono talmente solide da resistere per almeno due anni ai peggiori scenari di crisi. Costrette a ricapitalizzarsi, a buttare via montagne di prestiti…

Continua

L’ultima manina è di Arcuri

Il volante gira in una direzione, le ruote sterzano dall’altra parte. Naturale che un’auto del genere alle prime curve esca di strada. Esattamente quello che rischia di capitare al Governo gialloverde, ormai consapevole che la macchina su cui sta viaggiando risponde come vuole lei ai comandi. Con le opposizioni latitanti, infatti, il vero freno all’Esecutivo…

Continua

Un azzardo europeo contro di noi

Quando la Borsa sale e scende il costo degli interessi sul debito, mosso da quel numeretto che si chiama spread, chi è a digiuno delle faccende finanziarie può pensare che sono tutti più ricchi e contenti. Un errore. Ieri Piazza Affari, come gli altri principali mercati europei, ha guadagnato molti soldi, lasciando però un bel…

Continua

La politica che fa male all’Italia

Un po’ a sorpresa l’agenzia di rating Standard & Poor’s non si accoda agli uccelli del malaugurio e conferma l’attuale livello di solidità del debito pubblico italiano. Le prospettive sono negative, ma non c’è quella bocciatura sulla quale sta scommettendo la speculazione sui mercati, e di rincalzo la più fallimentare classe politica del nostro stesso…

Continua