Referendum e riforma Madia, le alte sfere dello Stato hanno votato

di Gaetano Pedullà

Per Matteo Renzi è la prova che il Paese è bloccato. Ma la bocciatura della riforma Madia sulla Pubblica amministrazione non è solo questo. Dietro c’è l’ultima barricata dell’alta dirigenza dello Stato – che nella Consulta ha il suo baluardo più alto – per resistere a una modifica della Costituzione letta come un salto nel buio. La decisione a pochi giorni dal referendum è un segnale fortissimo.

Emblematica anche la motivazione della Corte: la nuova legge sugli statali lede i diritti delle Regioni. Proprio quelle Regioni a cui il cambio della Costituzione assegna la nomina dei nuovi senatori, non più eletti direttamente dai cittadini. Con questi chiari di luna perciò non abbiamo solo un avvertimento al Governo, ma un primo assaggio di come funzionerà Palazzo Madama se il 4 dicembre dovesse vincere il Sì. L’effetto di una riforma della nostra Carta fondamentale poco condivisa nel Paese e soprattutto poco radicale (quanto sarebbe stato meglio abolirlo del tutto il Senato e, mentre ci si stava, ridimensionare pure quegli immensi stipendifici che sono da sempre le Regioni).

  • honhil

    E’ un vero pasticciaccio, come ogni cosa fatta con i piedi. Ma un pasticciaccio voluto. Fatto ad immagine e somiglianza di Renzi. Anzi, e da ciò l’alchimia così fortissimamente voluta e pervicacemente portata avanti, del nuovo abito istituzionale che verrebbe ad indossare Renzi, se il Sì dovesse spuntarla sul No. Perciò, continuarla a pensare come una porcata e soltanto una porcata, racchiudendola nei confini ristretti di “una riforma mal scritta”, è il più grande errore che gli italiani tutti, e in modo particolare i costituzionalisti, possano commettere. L’ex sindaco di Firenze, tanto per ricordare l’ultima sua carica istituzionale prima che mettese piede a Palazzo Chigi, ha, più di tutti i segretari politici del Pci/Pds/Ds/Pd, intravisto la reale possibilità di far diventare la politica una religione e in quel varco ideologico s’è infilato con l’irruenza della sua giovane età. E da quel pulpito promette agli italiani il paradiso in terra. Del resto, l’inferno Russo non veniva gabellato come un Paradiso e visto come tale dai dirigenti del fu Pci? Ma per un Paradiso che nell’aldilà può non esserci e un domani che migliore non sarà di certo, chi ruba l’anima dell’ieri, dell’oggi e del domani è quello promesso da Renzi. Non mettendo le mani in tasca l’altro. Per coltivare i vizi dell’elite.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La mazzetta non è più un problema

Dopo avergli ridotto i poteri, il Governo ha promesso di rimediare. L’avviso però è chiaro: saltate le teste dei manager di Stato non ortodossi al verbo renziano e spedito lo sfratto al direttore generale della Rai, prossimamente a togliere il disturbo dovrà essere Raffaele Cantone, il magistrato che l’ex premier aveva trasformato in una sorta…

Continua

Dal Governo un brodino che è veleno

Un’altra occasione sprecata. Se l’Italia è dove la vediamo, in coda a tutte le classifiche della crescita e del benessere, è perché sbattere la testa contro il muro non ci basta. Aspettiamo che si rompano i mattoni mentre invece ci siamo giocati il cervello. E dire che anche le pietre hanno capito cosa ci serve:…

Continua

Un Paese malato di Tafazzismo

Non c’è niente da fare: l’Italia non riesce a guarire dalla sindrome di Tafazzi, il personaggio comico che si diverte nel bastonarsi sulle parti basse. Siamo sinceri: in gran parte del mondo il nostro Paese è conosciuto solo per il calcio, la pizza e la mafia. Lasciamo perdere le élite che conoscono meglio di noi…

Continua

Il carissimo doppio lavoro dei giudici

Con gli stipendi da fame che si beccano in tante attività, soprattutto dopo il taglio netto di metà salario a imperituro ricordo di chi ci ha portato nell’Euro, per molti non c’è alternativa al doppio lavoro, anche un lavoretto da niente, sfruttato e pagato in nero. Ci sono categorie dove però il problema non è…

Continua

Tasse perse. La lezione delle banche

Il ragionamento è semplice: se un modesto impiegato deve restituire diecimila euro a un banca ha un problema, ma se la somma che deve dare è di dieci milioni allora è la banca che ha un problema. Spostiamo l’asse sugli italiani e il fisco ed ecco che la storia si ripete. Qui abbiamo un Paese…

Continua

Maggioranza senza quid in Parlamento

Il partito che esprime il Presidente del Consiglio ed è azionista di riferimento della maggioranza esce con le ossa rotte da uno dei soliti giochetti di Palazzo. La guida della Commissione Affari costituzionali, da dove passerà (quando passerà) la nuova legge elettorale è andata a un alfaniano, tale Salvatore Torrisi, del quale devono conoscerne le…

Continua

Così Assad ha vendicato l’amico Putin

La guerra è sempre una cosa schifosa e solo le anime belle possono sostenere che l’uso del gas è un’atrocità peggiore di tante altre. Nella Siria dilaniata da sei anni di conflitto civile si è visto quanto di più orribile sa fare l’uomo, in un mix di odio etnico tra sunniti e sciiti, terrorismo dell’Isis,…

Continua

Le colpe gravi dei vertici Rai e Mediaset

C’è poco da fare: la rissa in tv paga in termini di ascolti e pubblicità. E se a menarsi sono personaggi un minimo noti per giorni la storia è un argomento fisso nelle chiacchiere da bar, sui social e sulla stampa. L’episodio di domenica scorsa nello studio di Barba D’Urso è solo l’ultimo di una…

Continua

La finanza cade sempre in piedi

L’ipotesi del complotto per ora non regge. Il tribunale di Trani ha assolto le agenzie di rating Standard & Poor’s e Fitch dall’accusa di aver manipolato il mercato favorendo la grande speculazione che fece impennare lo spread sul nostro debito pubblico nel 2011. Un giochetto che gli italiani pagano ancora. Per effetto di quella crisi…

Continua

Juncker, ma ci faccia il piacere

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker è un personaggio buffo. Dopo essere stato al governo del paradiso fiscale Lussemburgo, una volta approdato a Bruxelles è arrivato a darci lezione di sobrietà fiscale. Spiritoso, soprattutto quando ha il fiasco in mano, ieri ha superato se stesso lanciando un anatema alla perfida Albione. “Rimpiangerete l’Unione europea”,…

Continua