Fucilati dai giornali, un prezzo che i Cinque Stelle pagano caro. Mai vista tanta stampa ostile. Solo il web non basta per chi governa

di Paolo Di Mizio
Editoriale

Il M5S non ha organi di stampa amici, se si eccettuano un paio di testate non ostili (tra le quali questa), e tanto meno televisioni amiche. È evidente che fin dalla campagna elettorale dell’anno scorso, e anche prima, è stato il M5S, non la Lega, l’oggetto principale dell’aggressione da parte dei giornaloni (tutti pro-Pd) e dell’apparato mediatico nel suo insieme.

Perché? Perché la Lega è omologata al sistema politico preesistente, quello del pre-grillismo per intenderci. Quindi la Lega è un avversario (del Pd e dei giornaloni), ma un avversario “naturale”: si muove nello stesso ring, fa parte dello stesso universo, rientra in una funzione antitetica (tesi-antitesi, sinistra-destra), fisiologica in un sistema di potere. Invece i 5 Stelle sono un corpo estraneo e, perciò, potenzialmente, una minaccia mortale. Sono i barbari che invadono la Cristianità e non hanno rispetto per la Croce.

Il potere economico, che controlla l’editoria, lo ha capito subito. Tutta l’artiglieria è stata subito puntata ad alzo zero contro i grillini. Non solo i giornaloni amici del Pd (Corriere della Sera, La Stampa, La Repubblica, Il Sole 24 Ore, L’Espresso), ma anche tutti gli altri giornali di complemento (Il Messaggero, Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Secolo XIX, Il Gazzettino, Il Mattino di Napoli, La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Giornale di Sicilia, ecc., che per altro fanno capo a tre o quattro editori soltanto).

Anche le batterie della Lega e del centrodestra hanno sparato ad alzo zero: Libero, Il Giornale, Il Tempo di Roma e, pur con ammirevole moderazione, La Verità di Belpietro. Lo stesso dicasi per tutte le reti televisive Rai, Mediaset, Sky e La7, sia nei telegiornali sia negli spazi di dibattito e approfondimento (rassegne stampa e talk show, anche qui con poche eccezioni, come la trasmissione Coffee Break di Andrea Pancani, che da tempi non sospetti ha cercato un equilibrio tra tutte le parti politiche, invitando per questo molto spesso il direttore de La Notizia, Gaetano Pedullà).

La grande ingenuità dei grillini è stata quella di credere che, dopo aver occupato la roccaforte del potere politico, e quindi economico, ossia il governo, questa potesse essere detenuta stabilmente senza impossessarsi dei cannoni, ossia di una quota adeguata dei mezzi di comunicazione. Immaginavano che sarebbe bastata la cavalleria leggera dei social media. Ma il risultato si è visto alle elezioni europee: come nella carica di Balaclava, l’artiglieria pesante ha falcidiato la cavalleria leggera: morti e feriti, sei milioni di elettori. Non è stato il solo errore del M5S, ma probabilmente l’unico davvero fatale.

La strada da seguire sarebbe stata ben diversa. Non trasudare disprezzo per i giornali, ma al contrario attuare una strategia dell’attenzione. Far balenare agli editori che dall’ostilità avrebbero avuto qualcosa da perdere (legge sul conflitto d’interessi, per esempio). Non lasciare le leve della Rai nelle mani delle vecchie stratificazioni partitiche. E nel contempo, coltivare un sistema editoriale di area, capace di elaborare e fare “cultura”, ossia di fornire una narrazione diversa. Insomma, sarebbe servita una riflessione più profonda sul tema. Se così fosse stato, oggi il Movimento Cinque Stelle non sarebbe disarmato di fronte al ritorno dei vecchi poteri forti.