Qualcuno in Vaticano vuole le dimissioni di Papa Francesco. Il cardinale Kasper in un’intervista alla Tv pubblica tedesca rilancia l’ipotesi di un complotto ai danni di Bergoglio

dalla Redazione
Cronaca

“Ci sono persone alle quali semplicemente non piace questo pontificato. Vogliono che finisca il prima possibile, per poi avere, per così dire, un nuovo conclave. Vogliono anche questo termini a loro favore, con un risultato in linea con le loro idee”. A rivelare l’esistenza di un presunto complotto contro Papa Francesco, nel corso di un’intervista a Report Muenchen, in onda sul primo canale pubblico tedesco Ard, è stato il cardinale tedesco, Walter Kasper, che di Bergoglio è uno dei maggiori alleati.

Secondo quanto afferma Kasper, che è anche il presidente emerito del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani ed è stato responsabile dei rapporti ecumenici della Santa sede, lo scandalo degli abusi nella Chiesa cattolica viene in questo momento utilizzata dagli oppositori al Papa come una sorta di “piattaforma” per “espellere” Francesco “ed eleggere un nuovo pontefice che sia in linea con la propria agenda”.

Secondo il teologo tedesco “si sta usando una strategia inappropriata” volta a piegare la discussione sugli abusi “in una discussione su Papa Francesco”. In questo modo, ha commentato ancora Kasper, il dibattito si trasforma “nell’abuso di un abuso”, che sostanzialmente “distoglie l’attenzione dal problema reale”, ossia la prevenzione e la protezione dei minori.

Non è la prima volta che emergono sospetti che all’interno delle mura leonine ci siano piani contro Papa Francesco. Alcuni mesi fa era stato l’ex nunzio a Washington, Carlo Maria Viganò, a chiedere esplicitamente le “dimissioni” del pontefice.