Diciotti, carabinieri al Viminale: Salvini è accusato di sequestro di persona aggravato. Il ministro reagisce: “Io eletto, i giudici no”

dalla Redazione
Cronaca

La Procura di Palermo ha richiesto al Tribunale del capoluogo siciliano – Collegio speciale per i reati cosiddetti ministeriali “di procedere alle indagini preliminari nei confronti del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, per il reato di sequestro di persona aggravato, commesso nel territorio siciliano fino al 25 agosto scorso, in pregiudizio di numerosi stranieri; ciò, in ossequio alle disposizioni di legge”. E’ quanto si legge in una nota della Procura della Repubblica presso il Tribunale Palermo, in merito alla vicenda della nave Diciotti.

“Dell’avvio di tale procedura, sottolinea la nota, è stato dato avviso al senatore Salvini ed è in corso la notifica degli avvisi ai soggetti da ritenersi persone offese del reato ipotizzato, come previsto dalla Legge costituzionale”. Ai sensi delle disposizioni di legge, prosegue la nota, “la competenza a svolgere le indagini appartiene al cosiddetto Tribunale dei Ministri; nessun atto di indagine è stato quindi compiuto da questa Procura, che ha pertanto proceduto esclusivamente sulla base degli atti ricevuti e degli elementi, in fatto ed in diritto, allo stato dagli stessi ricavabili”.

“Penso che la maggioranza degli italiani per bene abbia qualche perplessità. Un organo dello Stato indaga un altro ordine dello Stato. Con la differenza che un organo è eletto e l’altro no”, commenta il vicepremier Salvini.

“Sono una persona per bene. Non mollo di un millimetro, se domani dovesse arrivare un’altra nave carica di clandestini non sbarca. Dico grazie al procuratore di Palermo, al procuratore di Agrigento, al procuratore di Genova. Fate in fretta il vostro lavoro, mi date solo più forza”, ha aggiunto. (ITALPRESS)