Ventura d’Albania. Il ct della Nazionale chiede all’Italia uno sforzo: vincere per sperare nei Mondiali

dalla Redazione
Sport

Un’Italia che non può concedersi distrazioni. Il ct della Nazionale, Giampiero Ventura, ha messo in guardia gli azzurri: bisogna vincere contro l’Albania a Palermo, venerdì 24 marzo, per sperare nella qualificazione al Mondiale. Certo, perché è necessario arrivare alla sfida con la Spagna in una situazione non sfavorevole.

“La partita con l’Albania è il gettone che ci permetterà  di giocare in Spagna con qualcosa di concreto da spendere per il primo posto del girone, che vale la qualificazione diretta. Ho ritrovato un gruppo che ha voglia di partecipare e tanta disponibilità. Sono assolutamente sereno”, ha detto allenatore dell’Italia. Sulle convocazioni, che devono una diminuzione dei calciatori della Juventus, il ct ha specificato: “Mancano Chiellini e Marchisio, un giocatore importante che non ho mai avuto. Ho parlato con loro e abbiamo concordato che torneranno quando saranno pronti fisicamente e potranno rappresentare quello che sono sempre stati, pedine molto importanti per la Nazionale”.

Un passaggio del discorso del tecnico della Nazionale ha riguardato anche Alex Meret, giovane portiere della Spal che salterà il big match di serie B contro il Frosinone. “Resterà con noi. Se non fosse venuto con noi, sarebbe andato con l’Under 21. Il presidente della Spal e quello dell’Udinese, che possiede il suo cartellino, credo che siano ben contenti della sua convocazione”. Sulle motivazioni della convocazione del giovane estremo difensore: “Se non si fossero infortunati, ci sarebbero stati Perin o Marchetti. La chiamata di Meret è un segnale di continuità col lavoro di Di Biagio: chi è nell’Under deve potere pensare alla Nazionale”.