“A domanda rispondo”. Salvini cede al pressing. Il leader della Lega risponderà in Parlamento sul Russiagate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Certo che vado in Parlamento. E’ il mio lavoro. Ci vado bisettimanalmente e per il question time durante il quale rispondo su tutto lo scibile umano, sempre”. E’ quanto ha detto il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, rispondendo a chi gli chiedeva se andrà in Parlamento a riferire sui presunti fondi russi alla Lega. “Ci sono legami culturali legittimi rivendicati – ha aggiunto il ministro dell’Interno -, di cui sono sostenitore che nulla hanno a che fare con questioni economiche. C’è un’inchiesta che mi pare vada avanti da mesi. Che dire, buon lavoro, figuriamoci se vado a bloccare inchieste”. Parlando di Gianluca Savoini, Salvini ha detto di conoscerlo “da 25 anni, dai tempi dell’Università Statale di Milano. L’ho sempre ritenuto una persona corretta e fino a prova contraria continuerò a ritenerlo persona corretta. Punto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA