Nessuna pace per Gaza, riprendono gli attacchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Per Israele la tregua è finita: lo hanno detto fonti ufficiali israeliane citate da Radio Gerusalemme. Il governo di Tel Aviv avrebbe informato l’inviato dell’Onu nella zona Robert Serry che l’interruzione dell’azione militare è a questo punto da considerarsi conclusa.

Il sito di Hamas, ripreso da Haaretz, riferisce che quattro palestinesi sono stati uccisi e 20 feriti da colpi dall’artiglieria israeliana nei pressi di Rafah, nel sud della Striscia. Sono i primi morti segnalati dopo l’inizio della tregua di stamattina. In precedenza un colpo di mortaio era caduto presso Kerem Shalom, sud d’Israele.

”Una volta ancora Hamas e le altre organizzazioni terroristiche a Gaza hanno violato il cessate il fuoco per il quale si erano impegnate davanti al segretario di stato Kerry e al segretario generale dell’Onu”. Ha detto una fonte ufficiale dell’ufficio del primo ministro israeliano.

Intanto, secondo i palestinesi, il numero dei morti è salito a 1.440 dall’inzio degli attacchi condotti dagli aerei e dall’artiglieria di Tel Aviv. Un massacro, superiore persino a quello dell’operazione “Piombo Fuso” che fu messa in atto nel 2008-2009. Stando alle stesse fonti, almeno il 23% del totale dei morti palestinesi sono ragazzi e bambini, mentre i dati dell’Onu parlano di una maggioranza complessiva di vittime civili. I feriti sarebbero più di 8200. Nell’operazione “Piombo Fuso” i morti palestinesi furono 1416 (anche se fonti israeliane parlarono di un bilancio fra le 1100 e le 1300 vittime). Quell’operazione costò inoltre la vita a una decina di soldati e a tre civili in Israele: un tetto largamente superato da tempo nell’offensiva attuale, che secondo i dati dell’esercito ha provocato ormai la morte di 61 militari israeliani, oltre che di tre civili nello Stato ebraico.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA