All’Italia serve un Governo politico. Conte: “Non sarò un ostacolo. I sabotatori cerchiamoli altrove. Ci sono e ci sarò”

GIUSEPPE CONTE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Desidero innanzitutto ringraziare il presidente Mattarella, è stato un prezioso interlocutore sia nei rapporti istituzionali sia in quelli personali. Ho sempre lavorato per il bene del Paese e perché si possa formare un nuovo governo. Da questo punto di vista auspico un governo politico che sia solido e che abbia la sufficiente coesione per fare scelte politiche”. E’ quanto ha detto il premier dimissionario, Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza all’esterno di Palazzo Chigi.

“Ieri – ha aggiunto Conte – ho incontrato Draghi: un colloquio lungo, molto aperto al termine del quale gli ho fatto gli auguri di buon lavoro. Mi descrivono come un ostacolo, evidentemente non mi conoscono o parlano in mala fede. I sabotatori cerchiamoli altrove. Agli amici del Movimento 5 stelle dico: io ci sono e ci sarò. Agli amici Pd e di Leu dico che dobbiamo lavorare tutti insieme perché l’alleanza per lo sviluppo sostenibile che abbiamo iniziato a costruire è un progetto forte e concreto”.

“Auspico un Governo politico – ha detto il premier dimissionario – che sia solido e abbia la sufficiente coesione per fare delle scelte politiche perché lo richiedono le emergenze del paese. Le urgenze del Paese richiedono scelte politiche, non possono essere affidate a squadre di tecnici”.

Il nostro progetto che abbiamo iniziato a costruire di “un’alleanza per lo sviluppo sostenibile”, ha proseguito Conte, è un “progetto forte e concreto che aveva già iniziato a dare buoni frutti: dobbiamo continuare a perseguirlo. Offre una prospettiva reale di modernizzare finalmente il Paese nel segno della transizione energetica, della transizione digitale e della inclusione sociale”.

Le reazioni

“Ringrazio profondamente Giuseppe Conte per le sue parole, per la responsabilità istituzionale mostrata ancora una volta, in un momento di grande difficoltà per il Paese. Condivido pienamente la necessità di un forte impulso politico nel governo che andrà a formarsi. Il Movimento gli è riconoscente e continuerà ad essere protagonista anche grazie a lui” ha commentato Luigi Di Maio. “Grazie al presidente Conte. Un discorso di grande responsabilità e lungimiranza” scrive su Twitter il segretario del Pd, Nicola Zingaretti.

“Grazie Giuseppe Conte per quanto fatto al servizio del Paese. Dobbiamo continuare a lavorare insieme per costruire un’Italia più forte e più giusta” ha detto, invece, il dem Roberto Speranza. “Ringraziamo Giuseppe Conte per quello che ha fatto e per tutto ciò che farà. Grazie a lui l’Italia ha rialzato la testa e ci ha resi orgogliosi di essere rappresentati da lui” dichiarano il capo politico M5S, Vito Crimi e i capigruppo a Camera e Senato Davide Crippa ed Ettore Licheri.

“Conte: un discorso politico sintetico ma denso di significati. Sereno, nobilmente costruttivo, in grado di mantenere e rafforzare la prospettiva unitaria del campo democratico. Ora ci sono tutte le condizioni per far nascere il nuovo governo, forte e politico, attorno al presidente incaricato Mario Draghi. Noi ci saremo. Con le nostre idee, le nostre proposte e i nostri valori” ha dichiarato il dirigente nazionale Pd, Goffredo Bettini.

“Ringrazio il presidente Conte per lo straordinario lavoro di questi anni, durante i quali ho avuto l’onore di servire il Paese al suo fianco ottenendo risultati importanti per il bene dei cittadini. Condivido pienamente le sue parole che coincidono con la volontà espressa dal Movimenti 5 stelle di dare al Paese un governo politico, che abbia al centro lo sviluppo sostenibile” ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro.

“Le parole di alto valore istituzionale e politico di Giuseppe Conte e l’iniziativa unitaria di Nicola Zingaretti rilanciano la collaborazione tra le forze democratiche, progressiste ed europeiste e aprono la strada a un confronto positivo per la formazione del governo” scrive in un tweet il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri.

“Oggi Giuseppe Conte ha confermato ancora una volta l’alto senso delle istituzioni che ha sempre ispirato le sue azioni. A lui va la nostra gratitudine! Come ho già detto ieri in assemblea, in questi anni il MoVimento 5 Stelle ha iniziato un percorso politico al fianco di Conte che, certamente, non si interrompe adesso, con la fine dell’esperienza di governo” scrive Alfonso Bonafede. “Ora il M5S – aggiunge il ministro della Giustizia uscente -, con lo stesso senso delle istituzioni parteciperà costruttivamente, a testa alta e con coerenza rispetto ai valori di sempre, alle consultazioni del neo-incaricato Presidente Draghi”.